Venerdì 24 Maggio 2019 ore 03:44
PROCESSO O NO?
Salvini e il Caso Diciotti: oggi al voto il popolo dei 5 stelle
Il risultato è già scritto: Sì! Negare l’autorizzazione a procedere per l’onorevole Salvini

Ecco, di nuovo viene chiamato a decidere il popolo dei 5 Stelle. Ma sembra venga fatto solo quando c’è da sbrogliare la matassa per i dirigenti e quando i Capi del Movimento sono alle strette e non intendono prendersi in prima persona le loro responsabilità. Così oggi, dalle ore 10 alle ore 19, sulla piattaforma Rousseau, gli iscritti al Movimento avranno la "gloria" di poter decidere e orientare le scelte dei loro rappresentanti politici. Fin qui nulla-osta, se non che il risultato finale della consultazione popolare, apparentemente appartenente alla volontà del "popolo grillino", forse sia stata già decisa ai vertici.

Infatti, i vertici non possono ora, con questa "spada di Damocle" sulla testa, permettersi di sbagliare e "giocarsi" il Potere. Molti addetti ai lavori, coloro che si intendono di pubblicità e sanno come influenzare il popolo nelle scelte, pensano che in questa consultazione della base ci sia il trucco. Ma anche il "profumo" della manipolazione che, per ogni azione che avviene online, dietro ci sono sempre i "gestori" che hanno in mano le chiavi della piattaforma. D’altronde non dimentichiamo che i messaggi subliminali sono nascosti ovunque, ed il cervello umano, se non attento e vigile, assimila inconsciamente. Andiamo ora quindi a leggere e ad analizzare il messaggio inviato agli iscritti per comprendere se appare evidente o no, lo scopo di chi intende pilotare la scelta dei votanti di oggi senza che nessuno se ne accorga: "[…] Questo quindi non è il solito voto sull'immunità dei parlamentari. Di quei casi si occupa l'articolo 68 della Costituzione, e su quelli il Movimento 5 Stelle è sempre stato ed è inamovibile […]".

E già qui, un messaggio appare chiaro: che non c’è nulla e nessuno da indagare e processare.

E poi, di seguito: "Questo è un caso diverso: stiamo parlando infatti dell’articolo 96 della Costituzione. Nello specifico questo è un caso senza precedenti perché mai in passato si era verificato che la magistratura chiedesse al Parlamento di autorizzare un processo per un ministro […]". Anche dalla scelta delle parole nel concetto, sembra palese l’invito al "popolo votante", non essendoci un precedente, di votare "si", per non crearne uno sotto questa legislatura. E proseguendo la lettura del messaggio dei vertici 5 Stelle: "[…] per un ministro che aveva agito nell’esercizio delle sue funzioni e non per azioni fatte per tornaconto privato e personale […]".

Quindi, in conclusione, chi tra gli iscritti al Movimento 5 Stelle potrà scrivere "no" e far votare gli attuali Senatori del Movimento a concedere l’autorizzazione a procedere contro l’Onorevole Salvini per i fatti conosciuti della nave Diciotti? I giochi sono fatti: la maggioranza del popolo 5 Stelle ha già deciso per il "si", e quindi a negare l’autorizzazione a procedere. "Tana libera tutti"! Quando gli iscritti al Movimento saranno chiamati ed avranno anche il diritto di scegliere "una testa, un voto", come è corretto e leale che sia, oltre ai candidati alle elezioni, anche i Ministri e coloro che debbono ricoprire incarichi di rilievo?

Anzio, Esercito sospende militare arrestato per abusi sessuali su figlia

Sora, disgusto nel cimitero: bare ammucchiate, fuga di liquidi, fetore


ARTICOLI CORRELATI
Parte oggi la kermesse del Movimento 5 Stelle, una 3 giorni di dibattiti e confronti
Atmosfera elettrizzante al comitato elettorale di Virginia Raggi dopo la divulgazione dei primi exit poll relativi al ballottaggio
La Raggi: "Potrei diventare il primo sindaco donna, i romani hanno fatto intendere di non credere più alle promesse e agli slogan"
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
Lettera sulla situazione dei servizi turistici all'interno dei due siti, entrambi riconosciuti Patrimonio Unesco dell'Umanità
2
Arriva l’avviso pubblico per il conferimento di 106 incarichi di Direttore di struttura complessa
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]