Lunedì 18 Novembre 2019 ore 05:21
PROCESSO O NO?
Salvini e il Caso Diciotti: oggi al voto il popolo dei 5 stelle
Il risultato è già scritto: Sì! Negare l’autorizzazione a procedere per l’onorevole Salvini

Ecco, di nuovo viene chiamato a decidere il popolo dei 5 Stelle. Ma sembra venga fatto solo quando c’è da sbrogliare la matassa per i dirigenti e quando i Capi del Movimento sono alle strette e non intendono prendersi in prima persona le loro responsabilità. Così oggi, dalle ore 10 alle ore 19, sulla piattaforma Rousseau, gli iscritti al Movimento avranno la "gloria" di poter decidere e orientare le scelte dei loro rappresentanti politici. Fin qui nulla-osta, se non che il risultato finale della consultazione popolare, apparentemente appartenente alla volontà del "popolo grillino", forse sia stata già decisa ai vertici.

Infatti, i vertici non possono ora, con questa "spada di Damocle" sulla testa, permettersi di sbagliare e "giocarsi" il Potere. Molti addetti ai lavori, coloro che si intendono di pubblicità e sanno come influenzare il popolo nelle scelte, pensano che in questa consultazione della base ci sia il trucco. Ma anche il "profumo" della manipolazione che, per ogni azione che avviene online, dietro ci sono sempre i "gestori" che hanno in mano le chiavi della piattaforma. D’altronde non dimentichiamo che i messaggi subliminali sono nascosti ovunque, ed il cervello umano, se non attento e vigile, assimila inconsciamente. Andiamo ora quindi a leggere e ad analizzare il messaggio inviato agli iscritti per comprendere se appare evidente o no, lo scopo di chi intende pilotare la scelta dei votanti di oggi senza che nessuno se ne accorga: "[…] Questo quindi non è il solito voto sull'immunità dei parlamentari. Di quei casi si occupa l'articolo 68 della Costituzione, e su quelli il Movimento 5 Stelle è sempre stato ed è inamovibile […]".

E già qui, un messaggio appare chiaro: che non c’è nulla e nessuno da indagare e processare.

E poi, di seguito: "Questo è un caso diverso: stiamo parlando infatti dell’articolo 96 della Costituzione. Nello specifico questo è un caso senza precedenti perché mai in passato si era verificato che la magistratura chiedesse al Parlamento di autorizzare un processo per un ministro […]". Anche dalla scelta delle parole nel concetto, sembra palese l’invito al "popolo votante", non essendoci un precedente, di votare "si", per non crearne uno sotto questa legislatura. E proseguendo la lettura del messaggio dei vertici 5 Stelle: "[…] per un ministro che aveva agito nell’esercizio delle sue funzioni e non per azioni fatte per tornaconto privato e personale […]".

Quindi, in conclusione, chi tra gli iscritti al Movimento 5 Stelle potrà scrivere "no" e far votare gli attuali Senatori del Movimento a concedere l’autorizzazione a procedere contro l’Onorevole Salvini per i fatti conosciuti della nave Diciotti? I giochi sono fatti: la maggioranza del popolo 5 Stelle ha già deciso per il "si", e quindi a negare l’autorizzazione a procedere. "Tana libera tutti"! Quando gli iscritti al Movimento saranno chiamati ed avranno anche il diritto di scegliere "una testa, un voto", come è corretto e leale che sia, oltre ai candidati alle elezioni, anche i Ministri e coloro che debbono ricoprire incarichi di rilievo?

Anzio, Esercito sospende militare arrestato per abusi sessuali su figlia

Sora, disgusto nel cimitero: bare ammucchiate, fuga di liquidi, fetore


ARTICOLI CORRELATI
Parte oggi la kermesse del Movimento 5 Stelle, una 3 giorni di dibattiti e confronti
E' iniziato alle 14 in punto lo scrutinio delle elezioni comunali che porteranno all’elezione del nuovo Sindaco di Artena e del nuovo Consiglio comunale
È iniziato lo spoglio. Testa a testa tra i due candidati. Stefano Cacciotti esce vincitore dalla sfida a due
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
La Calabria sempre più martoriata, che cammina lentamente e con la retromarcia innestata, vive una situazione pre-elettorale all'insegna del caos e di maggiore povertà
Data di pubblicazione: 2019-11-08 11:41:22
2
Fa discutere la proposta del Partito Democratico di dotare le Forze dell'ordine di numeri identificativi e bodycam. In Europa è già in vigore in 20 Paesi su 28. L'appello del Parlamento europeo e dell'ONU
Data di pubblicazione: 2019-11-02 14:07:08
3
La decisione è stata presa a seguito di alcune minacce sul web e dello striscione di Forza Nuova
Data di pubblicazione: 2019-11-07 10:14:13
4
Per il ministro degli Esteri la Lega ha preferito fare gli interessi di partito evitando, quando era al governo, di elaborare una manovra finanziaria
Data di pubblicazione: 2019-11-12 06:26:38
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]