Giovedì 21 Marzo 2019 ore 08:35
PROTESTA
Il Pd di Roccasecca non voterà alle primarie: protesta contro Zingaretti
"Non voteremo alle primarie del 3 marzo per protestare contro la decisione della Regione Lazio di sopraelevare la discarica di Cerreto"

"Siamo prima di tutto cittadini di Roccasecca, in questo territorio siamo nati e in questo territorio viviamo. Il bene della nostra città, la salute della gente, sono principi molto più importanti della militanza in un partito. Per questo motivo abbiamo deciso di non votare alle primarie del Pd del 3 marzo, in protesta contro la decisione della Regione Lazio di sopraelevare la discarica di Cerreto”. E’ quanto dichiara in una nota il Circolo del Partito Democratico di Roccasecca, che evidenzia: “Abbiamo scritto una lettera al presidente Nicola Zingaretti a fine gennaio, per fargli conoscere la nostra posizione e chiedergli di intervenire. Ad oggi, dopo che sono passati circa 20 giorni, non abbiamo ricevuto nessuna risposta. Abbiamo anche ospitato a Roccasecca autorevoli esponenti del Pd della provincia di Frosinone. Abbiamo ascoltato le loro posizioni, ma nulla è cambiato. La nostra protesta continua e confermiamo la scelta di non svolgere le primarie" 

"Chiediamo l’annullamento del provvedimento di sopraelevazione della discarica, chiediamo di avviare l’iter per individuare un nuovo sito, chiediamo che si intervenga, con i poteri sostitutivi che la legge indica, per costringere Roma e il suo circondario, a dotarsi di impianti e non gravare sulle altre province. Perché, comunque, noi abbiamo il coraggio di criticare il nostro partito, ma va anche evidenziato come l’origine del problema sta a Roma, dove c’è un Comune, una giunta, e un partito, il Movimento Cinque Stelle, che a chiacchiere di dichiarano dalla parte dei cittadini, ma nei fatti operano all’esatto contrario. E ci piacerebbe che il nostro partito lo evidenziasse nelle forme e nelle sedi opportune. Non possiamo non evidenziare, inoltre, altri due aspetti: abbiamo chiesto agli altri circoli del territorio di condividere la nostra protesta, abbiamo avuto solo la condivisione da parte di S. Giovanni Incarico. Chiediamo agli amici di Ceprano, Arce, Colfelice, Castrocielo, Colle San Magno, Aquino, Pontecorvo, Villa S. Lucia, Piedimonte San Germano, Pico, Pastena, Esperia, di fare la nostra stessa scelta. Ci vuole coraggio certo, ma non farlo significa essere complici di coloro che vogliono trasformarci nella pattumiera del Lazio”.

"Non possono passare sotto silenzio, infine, le notizie che sembrano arrivare dalla Federazione del Pd di Frosinone: abbiamo spiegato che non votiamo per protesta, non perché non siamo in grado di organizzare un seggio. Pare che abbiano disposto la possibilità che Roccasecca voti a Castrocielo, appellandosi ad un Regolamento e a delle procedure che stanno uccidendo un partito. Ecco, se tale possibilità fosse confermata, la censuriamo e la rifiutiamo, criticando  apertamente un atteggiamento che non rispetta i territori e i circoli, i quali nemmeno vengono informati. Se Castrocielo non vuole condividere la nostra protesta, la rispetti almeno e si rifiuti quantomeno di accettare di esser il seggio per il nostro paese. Rinnoviamo pertanto l'invito ai cittadini di Roccasecca di non andare a votare. Oggi non è più il tempo di fare finta di nulla, oggi è il tempo di schierarsi per la terra in cui si vive, non assecondando più logiche di appartenenza. E’ questa la nostra idea di democrazia e di Pd che purtroppo non vediamo rispettata da coloro che dovrebbero farlo per i ruoli che ricoprono o ai quali aspirano”.

Foto di archivio

LEGGI ANCHE:

Latte, Coldiretti: "acconto 0,72 centesimi al litro è insoddisfacente"

Salvini e il Caso Diciotti: oggi al voto il popolo dei 5 stelle


ARTICOLI CORRELATI
Per ora Marino e Sassoli in testa. Segue Gentiloni
I Carabinieri hanno arrestato 5 persone sospettate di altri colpi perpetrati in Ciociaria. Rinvenuti anche soldi contanti e un'arma clandestina
Gemma Azuni (Sel) e Patrizia Prestipino (Pd) sono le 2 candidate donna alle primarie di domenica prossima
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
E' stata approvata la mozione in Consiglio Regionale presentata da Di Biase che impegna la Giunta a farsi parte attiva per evitare il taglio dei fondi a Radio Radicale
2
Secondo il sondaggio condotto da SWG e commissionato dal Tg di La7, mentre la Lega cresce, restando la prima forza di governo, il Pd supera il M5S
3
Il salvataggio del ministro dell'Interno, per l'ex magistrato, si spiega solo con il voler "salvare la loro poltrona"
4
"La legge delega è stata già licenziata dal Consiglio dei Ministri e dovrebbe approdare in Parlamento in tempi brevi"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]