Domenica 18 Agosto 2019 ore 23:37
Laura Freddi si racconta: "Sul #Metoo? Sono le donne che decidono"
Laura Freddi è tornata a parlare del suo periodo a Non è la Rai: "E' stato l'inizio di tutto"

Laura Freddi è intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format "I Lunatici".

Laura Freddi è tornata a parlare del suo periodo a Non è la Rai: "E' stato l'inizio di tutto. Un periodo molto divertente, spensierato, avevo 19 anni. Ero molto timida, sembrava che ne avessi 14 o 15. Mi nascondevo, non volevo assolutamente apparire davanti alle telecamere, ero un po' scontrosa con tutti, non ero simpatica a molte ragazze, perché ero un po' schiva. Un giorno Boncompagni mi prese da parte e mi chiese perché mi nascondessi. Mi ha spronata, ho preso una dose di autostima, mi sono ritrovata in un lavoro che ancora non avevo compreso bene. Mi sono lanciata e sono piano piano diventata addirittura la protagonista del cruciverba. Da lì la mia vita è cambiata, non potevo più fare neanche una passeggiata a Via del Corso. Per me era normale uscire con le amiche, ma è stato impossibile continuare in quel senso a uscire da sola, io mi portai dietro praticamente tutta Via del Corso quel giorno, mi sono accorta che qualcosa stava cambiando, ero diventata nota al pubblico. All'inizio non capivo il motivo di tutto questo clamore. Ancora oggi tutti quelli della mia generazione mi fermano e non dicono Laura di 'Buona Domenica', ma Laura di 'Non è la Rai'. Diventare famosa mi ha portato a cambiare alcune abitudini, a stare attenta. I miei genitori mi accompagnavano con la macchina al Palatino, dove ci sono gli studi, ci si buttavano sulla macchina, i ragazzini si mettevano sul cofano, non ci facevano passare. Ad accompagnarci arrivava la polizia, una cosa del genere non è mai più successa".

Su Buona Domenica: "Per me è stata l'apice. Avevo più consapevolezza, facevo il mio lavoro con una maturità diversa, una testa diversa. E' stata l'esperienza più bella che ho fatto, c'era la squadra di Costanzo, c'era Laurenti, Lippi, Pino Insegno. Ho lavorato con grandi professionisti, dietro c'era un lavoro enorme, si facevano le prove, ho studiato canto, volevo essere preparata. I reality? Hanno contaminato tutti i programmi. Non sono contraria, ho anche partecipato a un grande fratello, ma i reality hanno cambiato la televisione, dando la possibilità di diventare famosi senza fare nulla. Veniva gente che aveva fatto i reality che non voleva fare le prove".

Sul #metoo: "Ho avuto problemi di un certo tipo, ma certe cose si risolvono al momento, con un ceffone, uno schiaffo, una ribellione. Capisco che ci siano ragazze più deboli e più fragili e ovviamente non giustifico chi si approfitta di queste debolezze, però per quello che mi riguarda sicuramente sono arrivate proposte indecenti, ma ho saputo respingerle. Il carattere aiuta, io sono sempre stata abbastanza tosta. Ne ho incontrati di personaggi ambigui, ma li ho portati a fare subito retromarcia. Poi è un altro discorso se uno nel lavoro incontra l'amore. Comunque, siamo noi a decidere ciò che vogliamo fare nella vita. Sono le donne che decidono. Se ti chiama un regista e sì ti dà la parte ma poi vuole qualcosa in cambio, si capisce subito. Evidentemente lì c'è la voglia di arrivare ad un successo, ma quella non è l'unica carta da giocarsi. Ringraziando Dio alle ragazze che vogliono fare questo mestiere dico che non è solo così. Pensateci bene, perché ci si rovina la psiche, la mente. Se accetti certi compromessi diventa un problema psicologico che poi negli anni rischia di farsi sentire. Per le donne arrivare è più complicato, quando si è belle, simpatiche e intelligenti è ancora più difficile. La bellezza è un vantaggio, ma bisogna saperla gestire". 

Sul futuro professionale: "Io mi sono sposata, ho fatto una figlia, ho scelto di uscire per un po' da questo mondo, perché ero stanca di meccanismi che non sono così semplici. A un certo livello diventa tutto pressante, non solo fisicamente, ma anche di testa. Entri in una ruota che gira, gira, gira e speri che non si fermi mai. Non è facile nel momento in cui si ferma ricominciare a farla girare. Però bisogna avere il coraggio di fermarsi, soprattutto per godersi i momenti belli della vita. Credo che presto ritornerò in teatro". 

LEGGI ANCHE:

Pd, Zingaretti non si dimetterà da presidente della Regione Lazio

Licenziati per un post su Facebook: i rapporti di lavoro nell'era social


ARTICOLI CORRELATI
#Metoo? Ne parlai tanti anni fa, ma c'era omertà
Il ''caso Weinstein'' lascia tracce anche sulle regole del concorso di bellezza più famoso del mondo
L'attrice si racconta "Instagram? Mi chiedono foto dei piedi, ma sono pudica"
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Mario Tozzi: “Chi fa il rabdomante per lavoro è un imbroglione e chi si affida a un imbroglione è un cretino”
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]