Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 17:25
16 MARZO - NOUVELLE VAGUE
Università La Sapienza di Roma la violinista Carolin Widmann in concerto
Proprio con i loro cd con musica di Schumann, pubblicati da un’etichetta cult qual è la ECM, questi due artisti hanno vinto una ricca messe di premi

Carolin Widmann, esponente di punta delle nuove generazioni di violiniste, in musiche del primo Novecento e in due Sonate di Schumann, Università La Sapienza di Roma

Carolin Widmann è una delle più note esponenti della nouvelle vague di giovani violiniste che stanno insidiando lo storico primato degli uomini in questo campo.

Sabato 16 marzo alle 17.30 sarà all’Aula Magna della Sapienza per i concerti della IUC, insieme a un pianista di rango quale Dénes Várjon, suo abituale partner in sala da concerto e negli studi di incisione.

Presentano un programma che include Debussy e Veress e culmina con le prime due delle tre Sonate per violino e pianoforte di Schumann.

Proprio con i loro cd con musica di Schumann, pubblicati da un’etichetta cult qual è la ECM, questi due artisti hanno vinto una ricca messe di premi, che comprende gli ambitissimi Diapason d’or e Premio della critica tedesca per la migliore incisione dell’anno.

Con questo concerto la IUC prosegue l’esecuzione pressoché completa della musica per violino e pianoforte di Robert Schumann nel corso di questa stagione.

Le sue due prime Sonate per violino e pianoforte furono composte nel settembre e ottobre del 1851, la prima in cinque giorni e la seconda in una settimana, sotto l’impulso del sacro fuoco con cui il compositore tedesco creava la sua musica.

Vi si ritrovano gli slanci ardenti e gli improvvisi ripiegamenti, gli impeti e le tenerezze, le introspezioni psicologiche e i sogni fantastici che caratterizzano il più romantico dei compositori romantici. Anche qui sono presenti Eusebio e Florestano, i due personaggi fantastici che Schumann aveva immaginato per rappresentare la sua duplice anima: il primo malinconico e introverso, l’altro appassionato e impetuoso.

Di Claude Debussy si ascolterà la sua unica Sonata per violino e pianoforte, scritta nei cupi anni della prima guerra mondiale: il suo contributo alla lotta conto la Germania fu il rifiuto di ogni influsso musicale tedesco e il ritorno ideale al secolo d’oro della musica francese, quello dei clavicembalisti del Sei-Settecento.

La prima esecuzione ebbe luogo nel 1917, con Debussy al pianoforte, e quella fu l’ultima apparizione in pubblico del compositore, che sarebbe morto qualche mese dopo.

Sándor Veress è considerato il più significativo compositore ungherese della generazione successiva a Bartók, di cui egli seguì l’esempio, andando però ben al di là dell’imitazione.

La sua esistenza, segnata dalle guerre e dalle dittature, è stata contraddistinta dall’isolamento e questa è la ragione per cui la sua musica non ha avuto molta considerazione fino ad ora. 

La Sonatina per violino e pianoforte fu composta a venticinque anni, nel 1932, ed è una delle opere più riuscite dei suoi anni giovanili, in cui, tra gli evidenti influssi di Bartok e della musica etnica ungherese, si avverte una nuova personalità sbocciare.

Carolin Widmann, nata a Monaco di Baviera, svolge una brillante carriera internazionale, che la vede ospite di grandi festival come quelli di Salisburgo e Berlino e delle migliori orchestre, tra cui Gewandhaus Orchester, London Philharmonic, Orchestre National de France, Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Tonhalle-Orchester di Zurigo, Czech Philharmonic di Praga, Vienna Radio Symphony, BBC Symphony, Stockholm Philharmonic e Orquestra Sinfonica do Estado de São Paulo, collaborando con grandi direttori quali Sir Simon Rattle e Riccardo Chailly.

La Widmann si presenta in duo col pianista ungherese Dénes Várjon, le cui interpretazioni sono state definite dal New York Times "eleganti, appassionate e sempre di grande impatto".

Sabato 16 marzo 2019. ore 17.30

Carolin Widmann violino

Dénes Várjon pianoforte

Schumann Sonata n. 1 in la minore per violino e pianoforte op. 105

Debussy Sonata n. 3 in sol minore per violino e pianoforte

Veress Sonatina

Schumann Sonata n. 2 in re minore per violino e pianoforte op. 121

Aula Magna dell'Università La Sapienza

Città Universitaria - Palazzo del Rettorato

Piazzale Aldo Moro 5, Roma

Ufficio Stampa dell'Istituzione Universitaria dei Concerti:

Mauro Mariani


ARTICOLI CORRELATI
Sono in programma quattro dei più importanti compositori italiani del primo Novecento, che misero l’Italia al passo con gli sviluppi musicali del nuovo secolo
Il Concerto in La minore prende le mosse dalla Fantasia per pianoforte composta da Schumann nel 1841 alla quale l’autore aggiunse un intermezzo centrale e un finale
“Uno dei talenti più straordinari che mi sia capitato d’incontrare”: così Salvatore Accardo ha definito la violinista italo-romena Anna Tifu
I PIU' LETTI IN APPUNTAMENTI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
E' stato inaugurato il primo e unico "Villaggio di Babbo Natale " a Roma, realizzato dal Gruppo Storico Romano
2
28 GIUGNO - SELEZIONE DI MUSICA RAP/HIP-HOP Roma, Gay Village arriva il rapper "Frankie Hi-nrg mc"
Ad annunciare l'Alto Parlante Gira Dischi sono Annachiara Marignoli e Paola Dee, responsabili della direzione artistica delle notti rainbow
3
31 MAGGIO - UNA SERIE DI SITUAZIONI TRAGI-COMICHE Roma, Teatro Petrolini va in scena "Casalinghi disperati"
Tre uomini separati vivono in un appartamento messo a disposizione dal Comune
4
Là dove il rosmarino fiorisce e dove l'acqua ancora scorre dalle sorgenti, frutti d'ombra cadono dai muri
5
Lillo & Greg Best of mette in scena un frizzante “varietà” che ripropone tutti cavalli di battaglia della famosa coppia comica
1
È una nuova tappa del Progetto Archilochus, che vuole ricreare la stretta unione di musica e poesia che era propria della antica cultura greca
2
25 MAGGIO - ASTRO NASCENTE DELLA CHITARRA Aula Magna Università La Sapienza presenta Gian Marco Ciampa
Dopo essersi esibito in quattro continenti, Gian Marco Ciampa fa ora il suo debutto all’Aula Magna, la prestigiosa sede della stagione della IUC
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]