Martedì 25 Giugno 2019 ore 18:15
TERREMOTO IN CAMPIDOGLIO
Arresto De Vito: Nessuno può sventolare le bandiere Onestà e Trasparenza
Sembra che chiunque, arrivato a ruoli di potere, lasci le buone intenzioni e si lanci su strade illegali

Ineluttabile, inevitabile. Sembra che chiunque, arrivato a occupare ruoli di potere, attratto dalla possibilità di guadagno, lasci le buone intenzioni e si lanci su strade allettanti ma insidiose e soprattutto illegali. Il caso del Presidente dell’Assemblea capitolina, Marcello De Vito (M5S), è eclatante. Intanto perché è addirittura un arresto, il primo di un esponente dei 5 Stelle e poi perché il Movimento nacque proprio come reazione alla corruzione, alla disonestà, agli illeciti, alla politica deteriore. Naturalmente chi conosce di che pasta è fatto l’uomo, sa che bandiere del genere, “Onestà” e “Trasparenza”, è meglio non esporle, perché sono le meno adatte ad essere sventolate. Non esiste una specie umana migliore di un’altra, un partito più sano di un altro e un movimento nato dalla miscela di anime così diverse, che non hanno avuto nemmeno un’educazione comune ma chissà chi sono, chissà da dove vengono, come fanno ad essere pensati come una classe omogenea di politici diversi da tutti gli altri e incorruttibili? Hanno lo stesso rischio di essere inquinati che chiunque altro, all’interno di qualsiasi altro partito.

Il caso dei rimborsi che i parlamentari del Movimento 5 Stelle (unico tra i partiti), hanno promesso di far tornare indietro per essere messo a disposizione della comunità e favorire una sorta di microcredito è indicativo di come il comportamento umano sia tuttaltro che ineccepibile. Alcuni parlamentari, è stato dimostrato, hanno prima bonificato la cifra pattuita e successivamente revocato il bonifico. Non è forse grave un atto del genere? Non dimostra forse che una furbata di questo tipo può essere seguita da birbonerie ancora più odiose e malandrine? Ascoltare il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, che dice: “Con noi la corruzione non esiste. Da noi i corrotti vengono cacciati”, stupisce, imbarazza. L’arresto di De Vito, i bonifici revocati e altre faccende accadute a uomini del Movimento dimostrano che le bandiere da impugnare non possono essere Onestà e Trasparenza perché quelli sono simboli che uno si aspetta da tutti. Che lavorino sui fatti veri, sentendosi meno diversi ma più capaci.

Leggi anche:

Arrestato Marcello De Vito. Di Maio: "E' fuori dal Movimento 5 Stelle"

Meteo Lazio, previsioni meteo per la giornata di oggi, 21 gennaio 2019


ARTICOLI CORRELATI
"Bisogna far ripartire Roma"
Il Presidente dell'Assemblea Capitolina: "Dispiace per addio Totti. E'un simbolo di questa città"
A Piazza Pulita, Formigli ha intervistato i 4 candidati sindaci al Comune di Roma
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
È iniziato lo spoglio. Testa a testa tra i due candidati. Stefano Cacciotti esce vincitore dalla sfida a due
2
Caos per il reddito di cittadinanza nella Regione Lazio, "la strumentazione non è arrivata dall'Anpal"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]