Giovedì 25 Aprile 2019 ore 23:56
INTERVISTA
Stefano Tacconi si racconta. Buffon?: "E' arrivata l'ora di smettere"
L'ex portiere di Juventus e Nazionale: "Sesso prima della partite? Avevamo gli alberghi pieni di donne"

Stefano Tacconi è intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format "I Lunatici".

L'ex portiere di Juventus e Nazionale italiana ha rivelato: "Il calcio giocato non mi manca per niente. La solitudine del portiere? E' una percezione, quello del numero 1 è un ruolo talmente bello che non si è mai solo. E' stato bellissimo ricevere applausi dai tifosi, ho ricevuto applausi da tutti, da curve italiane ed estere, essere applaudito a Firenze, Napoli, è bello. Il portiere più forte della Serie A è Szczesny, anche se Donnarumma finalmente ha trovato un preparatore di portieri che lo sta allenando. La scuola italiana ormai non esiste più".

Su Italia 90: "Se avessi giocato io avremmo vinto il mondiale. Erano gli anni della rivalità con Zenga. Io e Walter abbiamo avuto una esaltazione in quel periodo che ha creato l'era del portiere italiano, un po' atipico. La rivalità è giusto che esista".

Su Buffon: "La papera che ha fatto in Champions fa capire che forse è arrivata anche per lui l'ora di smettere. A 42 non puoi pretendere più di tanto da te stesso".

Sui calciatori più forti con cui ha giocato: "Dovessi citarli tutti, sarebbe difficile. Per me è stato un orgoglio giocare con tantissimi campioni. Al confronto il calcio di oggi è diverso, imparagonabile a quello che ho vissuto io. Baggio? Non è stato il più forte con cui ho giocato, anzi è il minimo. Ho giocato con Maradona, Zico, Passerella, Careca".

Tra gli allenatori: "Trapattoni era un rompipalle vero, creava lo spogliatoio, con i giocatori che aveva la Juventus non era facile sistemarli tutti. Zoff, poi, per me è un secondo papà".

Sul rapporto con le donne: "Cassano ha detto che ne ha avute più di mille, ma il nostro era un calcio diverso. Ho iniziato con Drive In. Abbiamo distrutto un'era calcistica della Nazionale perché dopo Sacchi è cambiato tutto, sono nati i centri sportivi, invece fino a quando andavamo negli alberghi avevamo gli alberghi pieni di donne. E il sesso prima delle partite non influiva sulle prestazioni in campo, perché vincevamo sempre. Fino al '90 avevamo l'opportunità di divertirci anche, l'era dei centri sportivi ha distrutto tutto".

Sulla sua carriera: "C'è stato un periodo quando Moggi era al Napoli in cui mi chiamava continuamente. Mi aveva offerto 1.2 miliardi di lire. Ma io rifiutai, restai alla Juventus prendendo la metà. I calciatori oggi invece pensano solo ai soldi. La parata più bella la feci a Tokyo, nella finale di Coppa Intercontinentale". 

Foto pagina Facebook

LEGGI ANCHE:

Meteo Lazio, previsioni meteo per la giornata di oggi, 21 gennaio 2019

Paliano, maxi blitz delle forze dell'ordine: arrestato 58enne del posto


ARTICOLI CORRELATI
Le società devono saper offrire ai ragazzi qualcosa di importante, non soltanto il sogno di poter arrivare un giorno a essere un campione e a guadagnare tanti soldi
In gruppo si rivede anche il milanista De Sciglio che potrebbe rientrare contro l'Uruguay
"Sono stato male i giorni prima della partita e ho giocato sotto farmaci. La cosa non era nota"
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Mario Tozzi: “Chi fa il rabdomante per lavoro è un imbroglione e chi si affida a un imbroglione è un cretino”
1
Sesso prima delle partite? "Dicevano che bisognava farlo una volta a settimana, ma in realtà il sesso è una cosa bellissima, che non toglie nulla alla prestazione"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]