Martedì 25 Giugno 2019 ore 18:28
RIAPERTA LA ZONA
Amatrice, 31 mesi dopo il terremoto non esiste più la zona rossa
Quello che resta del centro storico di Amatrice, dunque, sarà definitivamente riaperto

Non esiste più la zona rossa di Amatrice. A 31 mesi dalla tragedia del terremoto del 24 agosto 2016 viene definitivamente riaperta la "zona rossa" di Amatrice, il Comune del reatino che con 239 vittime ha pagato il prezzo di sangue più alto nel sisma del Centro Italia. Quello che resta del centro storico di Amatrice, dunque, sarà definitivamente riaperto. Lo ha deciso ieri mattina il Centro Operativo Intercomunale Unico all’esito di alcuni sopralluoghi e dopo aver valutato che non esistono più le condizioni per l’interdizione delle aree del centro storico di Amatrice. Quella che era la zona rossa è stata riconsegnata all’amministrazione comunale.

A comunicare la notizia della definitiva "cancellazione" della zona rossa sono stati gli Assessori della Regione Lazio alle Politiche per la ricostruzione, Claudio Di Berardino, e all’Urbanistica, Massimiliano Valeriani. “Il lavoro compiuto dalla Regione Lazio – commenta Claudio Di Berardino – all’indomani del sisma ha garantito tempi certi nella gestione dell’emergenza e nella fase della ricostruzione. La strada è ancora lunga, ma certamente la riapertura di tutta le aree segna il raggiungimento di un traguardo fondamentale”. “Comincia una nuova fase per Amatrice: l’Amministrazione regionale è sempre stata vicina al Comune e ai cittadini – aggiunge Massimiliano Valeriani – assicurando attenzione ed impegno per affrontare tutte le situazioni all’indomani del tragico sisma che ha devastato il paese. Raggiunto questo importante obiettivo, proseguiremo nel lavoro per far rinascere Amatrice”.

LEGGI ANCHE:

Meteo Lazio, previsioni: tempo stabile sino alla fine della settimana

Roma: Frongia si autosospende dal M5S e rimette le deleghe alla Raggi


ARTICOLI CORRELATI
Continua l'opera di rimozione di macerie e parti pericolanti di edifici nelle aree più colpite dal terremoto
Hanno proceduto allo smontaggio della vela posta sulla torre civica della chiesa
Stamattina è stata riaperta la stazione Termini della Metro A. Il problema dei tombini di Roma
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
E' stata forte la scossa, avvertita anche nei piano terra delle abitazioni. A Colonna segnalate in alcune case del centro, crepe e distacchi di cornicione
2
La tragedia si è consumata intorno alle 2:00, quando il giovane con altri amici ha raggiunto la stazione
3
Inquinamento e diossina, sono ultra nocivi per la nostra salute ma evidentemente essere abituati a incendi di ogni genere, ci lascia quasi indifferenti
4
Il fatto è avvenuto nella mattinata odierna. Al momento si pensa a un cortocircuito
5
“Tale decisione è stata presa sia per motivazioni logistiche, sia per espressa volontà di svolgere le esequie a Rocca di Papa in modo tale da consentire a tutta la cittadinanza di partecipare, come il sindaco avrebbe voluto”
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]