Sabato 20 Aprile 2019 ore 00:18
ANZIANI MALTRATTATI
Grottaferrata: Anziani vessati in Casa di cura abusiva, indagata 62enne
La struttura è stata scoperta dalle Fiamme Gialle dopo un' attività investigativa svolta nei confronti della titolare, una veliterna di 62 anni

I militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno sottoposto a sequestro una casa di cura completamente abusiva, creata all'interno di un lussuoso resort ubicato sulle colline dei Castelli Romani, a Grottaferrata. La struttura è stata scoperta dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Frascati a seguito di attività investigative svolte nei confronti della titolare, una veliterna di 62 anni, già gravata da precedenti penali nello specifico settore.

Le indagini, condotte anche attraverso numerose attività di pedinamento, hanno permesso di rilevare come l'indagata fosse solita frequentare una nota e rinomata struttura ricettiva, molto conosciuta nella zona dei Castelli Romani per attività di catering e organizzazione di eventi; circostanza questa particolarmente anomala considerato il basso profilo reddituale della indagata.

Proprio nel corso di un appostamento, insospettiti dalla presenza di un furgone di onoranze funebri in uscita dal resort, i Finanzieri decidevano di fare accesso nella struttura dove, all'interno di piccoli bilocali, sono stati rinvenuti cinque anziani in precarie condizioni igienico-sanitarie nonché la salma di un soggetto ultranovantenne, per la quale l'indagata non era in grado di esibire né il certificato di morte né alcun documento identificativo.

Nel corso delle perquisizioni, sono stati inoltre rinvenuti e sequestrati medicinali scaduti, piani terapeutici per la somministrazione dei farmaci, scarse quantità di cibo, peraltro di pessima qualità e in parte scaduto, documentazione extra-contabile relativa ai pagamenti delle rette mensili.

Gli immediati accertamenti, esperiti in loco anche attraverso l'interessamento di parenti e amministratori di sostegno, hanno permesso di acclarare che la titolare gestiva di fatto una casa di cura totalmente abusiva, senza alcuna autorizzazione o titolo professionale.

All'interno della struttura, come tra l'altro confermato da una collaboratrice dell'indagata, non vi era alcun infermiere od operatore sanitario abilitato, ma era la stessa indagata a provvedere alla somministrazione dei farmaci secondo i piani terapeutici prescritti, presumibilmente, dai medici di famiglia.

L'attività, pur generando significativi guadagni quantificati sulla base delle rette pagate in circa 100 mila euro all'anno è risultata completamente sconosciuta al Fisco in quanto la signora veliterna dal 2013 non ha piu' presentato alcuna dichiarazione fiscale. Due degli anziani ospiti sono stati affidati alle cure dei parenti, mentre per tre di loro, in più precarie condizioni di salute, si è reso necessario il ricovero presso strutture ospedaliere attraverso il servizio 118.

Inoltre, attesa l'impossibilità da parte del personale sanitario intervenuto di constatare l'avvenuta morte di un anziano per cause naturali, su disposizione dell'Autorità giudiziaria, la salma è stata affidata all'ospedale di Tor Vergata per l'esecuzione dell'esame autoptico.

La sessantaduenne è, allo stato, indagata per omicidio colposo, maltrattamenti e violazioni al testo unico sulle leggi sanitarie. Sono inoltre in corso ulteriori accertamenti per verificare eventuali responsabilità in capo al titolare della struttura alberghiera e all'amministratore di sostegno di alcuni anziani in relazione al proprio operato. (Comunicati/Dire) 

LEGGI ANCHE:

Allerta vento su tutto il Lazio, da stasera e per prossime 36 ore

Incendio Rifiuti Rocca Cencia, Raggi: "Cosa c'è dietro l'incendio?"

Fabrizio Corona torna in carcere: ha infranto prescrizioni del Tribunale

Igor il russo condannato all'ergastolo per gli omicidi in Italia


ARTICOLI CORRELATI
E'stato travolto da un ragazzo di 24 anni. Annullati i festeggiamenti per il nuovo sindaco
La Gdf ha sequestrato beni per 44 mln al clan Mallardo, molto attivo anche a Roma e provincia
Era stata costruita su un terreno del demanio pubblico dello Stato. Deferito un 60enne del posto
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Scontro mortale nella galleria di Sant’Antonio al Monte nella canna verso Ascoli
2
Ceccariglia, poliziotto in pensione, era molto conosciuto in paese per la sua passione per le auto e le corse
3
I Carabinieri della Compagnia di Tivoli stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari
4
Il sisma rilevato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia
5
Un capriccio e un pianto avrebbero fatto scattare qualcosa nella giovane mamma del bimbo che ha trasformato la 28enne in assassina
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]