Mercoledì 21 Agosto 2019 ore 09:41
Città Universitaria La Sapienza Bruno Canino torna dopo sessant’anni
Dal suo enorme repertorio Canino ha scelto per l’occasione tre compositori del periodo classico, ovvero Haydn, Mozart e Clementi

Città Universitaria La Sapienza Bruno Canino torna dopo sessant’anni

Bruno Canino è una parte importante della musica del nostro tempo: festeggia ora i sessant’anni dal suo debutto alla IUC e il suo centesimo concerto con l’istituzione

Bruno Canino ha debuttato alla IUC il 14 marzo 1959, come solista di un’orchestra di giovanissimi, fondata e diretta da un altro giovane debuttante a Roma, il venticinquenne Claudio Abbado.

Da allora è tornato alla IUC moltissime volte e ora festeggia contemporaneamente i sessant’anni dal suo debutto all’Aula Magna e il suo centesimo (!) concerto alla IUC. Questo evento festoso, che può ben dirsi storico, si svolgerà sabato 30 marzo 2019 alle 17.30 (Aula Magna della Sapienza, Città Universitaria, Piazzale Aldo Moro 5).

Dal suo enorme repertorio Canino ha scelto per l’occasione tre compositori del periodo classico, ovvero Haydn, Mozart e Clementi, e quattro musicisti americani dall’Ottocento ai nostri giorni, Gottschalk, Copland, Cage e Corea.

Napoletano di nascita e milanese di studi, Bruno Canino è un testimone della storia della musica dagli anni Cinquanta del secolo scorso ad oggi.

Ha suonato come solista nelle principali sale da concerto e festival d’Europa, America, Australia, Russia, Giappone e Cina, sotto la direzione di Abbado, Muti, Chailly, Sawallisch, Berio e Boulez, con orchestre quali la Filarmonica della Scala, Santa Cecilia, Berliner Philharmoniker, New York Philharmonic, Philadelphia Orchestra e Orchestre National de France.

Ha formato uno storico duo pianistico con Antonio Ballista e ha suonato con illustri strumentisti quali il flautista Severino Gazzelloni e i violinisti Accardo, Ughi, Amoyal, Perlman e Blacher.

Si è dedicato in modo particolare alla musica contemporanea, collaborando con i maggiori musicisti del nostro tempo, tra cui Pierre Boulez, Luciano Berio, Karlheinz Stockhausen, György Ligeti, Bruno Maderna, Luigi Nono e Sylvano Bussotti, di cui spesso ha eseguito le opere in prima esecuzione.

Inoltre ha svolto un’intensa attività didattica, insegnando al Conservatorio di Milano, al Conservatorio di Berna e attualmente alla Scuola di Musica di Fiesole.

Il programma scelto da Bruno Canino per celebrare i suoi sessant’anni con la IUC riflette la vastità dei suoi interessi. La prima parte è dedicata alla musica della fine del Settecento, con la Sonata in mi maggiore Hob XVI:13 di Joseph Haydn, la Sonata n. 9 in re maggiore K 311 di Wolfgang Amadeus Mozart e la Sonata in si bemolle maggiore op. 24 n. 2 del romano Muzio Clementi, di cui Mozart riprese il tema iniziale (possiamo pure dire che lo copiò letteralmente) per inserirlo nell’ouverture del suo Flauto magico.

Nella seconda parte del concerto Canino presenta una panoramica della musica americana dall’Ottocento ad oggi. Inizia con Le Bananier e Union, due brani del primo compositore statunitense di un certo rilievo, Louis Moreau Gottschalk, che fu molto popolare alla sua epoca e utilizzò spesso ritmi e melodie del folclore americano.

Quasi un secolo dopo anche Aaron Copland nei suoi Four Piano Blues si rifà alla musica americana, ma non a quella portatavi da coloni europei bensì a quella afroamericana.

John Cage è tra i compositori più originali e più geniali dell’avanguardia musicale della seconda metà del Novecento: Canino ha scelto il suo ottavo Etude Australe, composto riportando sul pentagramma la mappa delle stelle dell’emisfero australe. Si conclude con nove dei Children's Songs composti nel 1984 da Chick Corea, un grande del jazz dei nostri giorni.

Sabato 30 marzo 2019. ore 17.30

Bruno Canino pianoforte

60 anni con la IUC

Haydn Sonata in mi maggiore Hob XVI:13

Mozart Sonata n. 9 in re maggiore K 311

Clementi Sonata in si bemolle maggiore op. 24 n. 2

Gottschalk Le Bananier op. 5

Gottschalk Union op. 48

Copland Four Piano Blues

Cage Etude Australe VIII

Corea Nove brani da Children’s Songs (​nn. 14, 2, 3, 12, 6, 5, 11, 19, 18)

Ufficio Stampa dell'Istituzione Universitaria dei Concerti:

Mauro Mariani


ARTICOLI CORRELATI
Dopo essersi esibito in quattro continenti, Gian Marco Ciampa fa ora il suo debutto all’Aula Magna, la prestigiosa sede della stagione della IUC
Il concerto accosta Bach “come è” a Bach contaminato con la musica sudamericana dai compositori Efrain Oscher e Gonzalo Grau
L’attenzione si focalizzerà sui quartetti per archi di Wolfgang Amadeus Mozart, che costituiscono uno dei settori privilegiati del suo catalogo
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Eletta a Ladispoli la più bella della Capitale: ha 23 anni, capelli biondi, occhi verdi ed è del quartiere Ardeatino-Divino Amore
Data di pubblicazione: 2019-08-04 15:01:33
2
Con lo spettacolo "Le parole note" con Giancarlo Giannini si è chiusa la quarta edizione dell'Ostia antica Festival
Data di pubblicazione: 2019-08-05 18:14:08
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]