Acquafondata Acuto Alatri Alvito Amaseno Anagni
Aquino Arce Arnara Arpino Atina Ausonia
Belmonte Castello Boville Ernica Broccostella Campoli Appennino Casalattico Casalvieri
Cassino Castelliri Castelnuovo Parano Castro dei Volsci Castrocielo Ceccano
Ceprano Cervaro Colfelice Colle San Magno Collepardo Coreno Ausonio
Esperia Falvaterra Ferentino Filettino Fiuggi Fontana Liri
Fontechiari Frosinone Fumone Gallinaro Giuliano di Roma Guarcino
Isola del Liri Monte San Giovanni Campano Morolo Paliano Pastena Patrica
Pescosolido Picinisco Pico Piedimonte San Germano Piglio Pignataro Interamna
Pofi Pontecorvo Posta Fibreno Ripi Rocca d'Arce Roccasecca
San Biagio Saracinisco San Donato Val di Comino San Giorgio a Liri San Giovanni Incarico San Vittore del Lazio Sant'Ambrogio sul Garigliano
Sant'Andrea del Garigliano Sant'Apollinare Sant'Elia Fiumerapido Santopadre Serrone Settefrati
Sgurgola Sora Strangolagalli Supino Terelle Torre Cajetani
Torrice Trevi nel Lazio Trivigliano Vallecorsa Vallemaio Vallerotonda
Veroli Vicalvi Vico nel Lazio Villa Latina Villa Santa Lucia Villa Santo Stefano
Viticuso
Sabato 15 Giugno 2019 ore 22:37
STORIA DI UN SOGNO SVANITO
La Raggi, Roma e le difficoltà di renderla una Capitale moderna
Tanti problemi e poche soluzioni stanno deludendo le aspettative di molti cittadini

Basta un po' di vento e cadono alberi come foglie; basta un po' di pioggia e oltre a paralizzarsi il traffico, vediamo le stazioni della metro allagarsi; vediamo continuamente manutentori armeggiare alle scale mobili della metropolitana e, una dopo l'altra, vanno in tilt con la conseguente chiusura delle relative stazioni; basta qualche chilometro in più e gli autobus prendono fuoco, chiaramente quando riescono a partire; senza parlare della condizione di strade e marciapiedi che sono trappole a cielo aperto – a piazza Venezia c'è un marciapiede che 30 anni fa era sconnesso come oggi; e non è una battuta di spirito – nonostante ci sia chi tenta di abbozzare una sorta di maldestra e arrabattata quanto infondata difesa dell'attuale amministrazione; immondizia per le strade del centro e roghi continui nelle periferie.

Eppure non finisce qui; defezioni all'interno dell'amministrazione e nei vari municipi, arresti, piccoli e meno piccoli scandali, e la ciliegina dei rom, dello sgombero dei campi e dell'assegnazione delle case popolari mentre gli abitanti dei quartieri insorgono. Questa, oggi, è Roma, una delle capitali europee più in vista del mondo – se non altro per il suo patrimonio artistico, storico, architettonico, archeologico che da secoli ne ha fatto punto di riferimento di semplici turisti ma anche di pittori, scultori, letterati e artisti più in generale – che sempre meno somiglia alla Roma dell'immaginario collettivo, non solo italiano ma anche straniero.

Si, perché Roma è l'Italia e, nonostante tutto, l'Italia continua ad essere ancora il bel Paese per i popoli di tantissime nazioni europee e non; una capitale, però, sempre meno europea e occidentale e sempre più mediterranea e, forse, musulmana a vedere le frotte di extracomunitari, africani e asiatici, che popolano i marciapiedi delle zone centrali della città e sui quali la giunta Raggi non mette bocca, come se fossero trasparenti.

Lo stato della città ci lascia addosso, comunque, un senso di delusione misto a svilimento soprattutto se si pensa che in tanti abbiamo visto l'amministrazione Raggi come la svolta ad una lunga stagione di amministrazioni, di vari colori politici, ciascuna delle quali ha dato il peggio di sé nel condurre questa povera città allo sbando totale. In tanti abbiamo visto nella Raggi una nuova epoca, una nuova luce, una nuova alba, una fase che potesse rappresentare una rinascita dell'urbe, un'ultima opportunità per riscattare la città da tutto ciò che l'aveva deturpata e annebbiata; tuttavia si sa, una cosa sono le speranze e altra cosa è la realtà dei fatti che, spesso, ci viene messa dinanzi fugando ogni pensiero positivo e facendoci ricadere nella concretezza di tutti i giorni; in questo caso facendo svanire il sogno che il M5S potesse essere la soluzione giusta e definitiva per questa nostra Roma che, sempre più, appare essere l'ex capitale.

Nelle ultime settimane si parla, più che mai, del vergognoso stato dei trasporti sotterranei e della metro, ormai handicappata, che ha lasciato senza collegamento diretto aree della città vitali per turismo e commercio; si parla della vicenda rom e dell'atteggiamento del sindaco Raggi, apparentemente sempre più a sinistra per scelte e comportamenti istituzionali come d'altronde si nota per gran parte del M5S, che sembra andare sempre più contro gli interessi di quei cittadini, già esasperati per una marea di motivi, che sono scesi sul piede di guerra presidiando i propri quartieri contro quella che definiscono l'invasione dei rom. Al di là dell'essere condivisibili o meno, resta il fatto che queste manifestazioni di protesta sono un segnale forte nei confronti di una Raggi che sembra voler assumere un atteggiamento di forza per poi mostrare tutta la sua debolezza, questa volta non solo politica ma caratteriale.

Lenin sosteneva che “Ogni cuoca dovrebbe imparare a reggere lo Stato” e in questo la Raggi dovrebbe essere molto agevolata essendo un avvocato ma, come sostenevano gli antichi romani, quando il mare è calmo ognuno può far da timoniere, e a Roma il mare calmo è difficile trovarlo. In una città complessa, dai mille volti, dalle numerose personalità, mutevole, vecchia di tremila anni e carica di tutto il suo bagaglio umano oltre che socio-culturale bisogna avere vere capacità e una visione concreta e operativa delle cose e dei problemi che attanagliano la città altrimenti l'effetto è quello di aggravarli, ancor più se si ritiene che il recupero del deficit delle casse comunali debba passare attraverso tagli di spesa ai quali nemmeno si dovrebbe pensare.

Lo scrittore americano Edward Abbey sosteneva che “L'anarchia è fondata sull'osservazione che dato che pochi uomini sono saggi abbastanza da governare se stessi ancor meno uomini sono saggi abbastanza da governare gli altri” e forse questa riflessione è tanto valida, per l'attuale giunta Raggi, quanto più fondate sono state le aspettative da parte del suo elettorato; e se da un lato Gramsci era convinto, giustamente, che “Poche mani, non sorvegliate da controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa” , è anche vero che, ormai, il popolo romano ha aperto gli occhi e, per quel poco che serve, sta reagendo ad un atteggiamento di abbandono della città da parte dei governanti che la Raggi sembra stia cronicizzando.

Leggi anche:

Non possono pagare la mensa, bimba costretta a tonno e cracker

Vinitaly a Verona: I vigneti italiani costano più di un'isola caraibica


ARTICOLI CORRELATI
E' bastato un breve scroscio per creare grandi disagi in vari quartieri. Particolarmente colpita la zona sud
Disagi sulla Tuscolana, sulla Salaria, all'Appio e a Monteverde. Incidenti sulla Nomentana Nuova e a Tor di Quinto
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
3
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
4
Mikaela Calcagno ha rilasciato interviste rimarcando la sua preparazione in materia di calcio, ben celata, a dire il vero
5
"Personale demotivato, dispersione di professionalità, confusione tra istituzioni e sovrapposizione di competenze, difficoltà nella gestione delle emergenze"
1
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
4
Incidente al km 615 in direzione Napoli, la 37enne Nanda Morgia ha perso la vita in una terribile carambola. Strada chiusa per alcune ore
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]