Martedì 25 Giugno 2019 ore 23:44
OMICIDIO DESIREE
Roma, caso Desirée: Da esame Dna torna accusa omicidio 46enne nigeriano
Il nigeriano Chima Alinno viene incastrato dalle dichiarazioni di alcune persone e dalle tracce del suo Dna

La Procura di Roma si avvia verso la chiusura delle indagini sulla morte della 16enne di Cisterna di Latina, Desiree Mariottini, avvenuta nella notte tra il 18 e il 19 ottobre in via dei Lucani, nel quartiere San Lorenzo a Roma. Dagli esiti delle analisi scaturiscono nuove accuse per le persone già coinvolte nella vicenda e attualmente in carcere. In particolare, è stata emessa una nuova ordinanza di custodia cautelare verso il 46enne nigeriano, Chima Alinno, per omicidio volontario e cessione di droga a Desiree.

Lo scorso 13 novembre il Tribunale del riesame aveva fatto cadere l'accusa di omicidio per l'uomo che però ora viene incastrato dalle dichiarazioni di alcune persone e dalle tracce del suo dna su un flacone di metadone e su una cannuccia utilizzata anche da Desiree per fumare crack, nella notte in cui morì per overdose. Sempre verifiche sul dna hanno confermato le accuse di violenza sessuale, cessione di droga e omicidio per Mamadou Gara e Yousif Salia.

Loro tracce biologiche, compatibili con le violenze sessuali, sono state trovate sul corpo e sotto le unghie di Desiree, oltre che sulla coperta e sul materasso dove era sdraiata. Per gli inquirenti, Alinno, Gara e Salia avrebbero somministrato volutamente a Desiree una dose letale di psicofarmaci e droghe, oltre ad averla violentata. Salia e Brian Minthe, già in carcere per violenza sessuale sulla ragazza, sono accusati anche di spaccio di droga perché durante le indagini sono stati riconosciuti come pusher abituali in via dei Lucani. (Mtr/ Dire) 


ARTICOLI CORRELATI
La 16enne di Cisterna di Latina è stata trovata cadavere all'alba dello scorso 19 ottobre in un palazzo abbandonato nel quartiere romano di S. Lorenzo
Uno striscione con la scritta "Giustizia per Desirée" e la canzone di Jovanotti "Per te" per l'ultimo saluto alla ragazza
Kalashnikov, fucili e altre armi sequestrate a Raffaele Mazza, membro di una famiglia calabrese residente al Quartaccio
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
E' stata forte la scossa, avvertita anche nei piano terra delle abitazioni. A Colonna segnalate in alcune case del centro, crepe e distacchi di cornicione
2
La tragedia si è consumata intorno alle 2:00, quando il giovane con altri amici ha raggiunto la stazione
3
Inquinamento e diossina, sono ultra nocivi per la nostra salute ma evidentemente essere abituati a incendi di ogni genere, ci lascia quasi indifferenti
4
Il fatto è avvenuto nella mattinata odierna. Al momento si pensa a un cortocircuito
5
Il conducente del mezzo è stato sottoposto agli accertamenti per capire se avesse assunto alcool o droghe
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]