Sabato 20 Luglio 2019 ore 18:09
DECRETO 119/2018
Addio al registratore di cassa. Dal 1/07 arriva lo scontrino elettronico
I negozianti dovranno sostituire i registratori di cassa analogici con quelli digitali: cosa cambia per clienti e commercianti?

Cambiano i registratori di cassa e di conseguenza spariscono gli scontrini fiscali in formato cartaceo. Secondo quanto stabilito dal decreto 119/2018, collegato alla legge di Bilancio 2019, i negozianti dovranno sostituire i registratori di cassa analogici con quelli digitali, o adattare quelli in uso con un software, per renderli collegati direttamente all’Agenzia delle Entrate. Il termine per adeguarsi è il 1 luglio 2019 per gli esercizi commerciali oltre i 400 mila euro di fatturato, calcolati in circa 261 mila. Dal 1 gennaio 2020 l’obbligo si estende alla totalità dei commercianti, oltre 2 milioni in Italia, compresi gli artigiani.

Confcommercio: "Rinviate la scadenza"

Confcommercio teme il caos, "in considerazione del ritardo nell’emanazione dei decreti attuativi e delle possibili difficoltà operative connesse alle problematiche tecniche che le imprese si troveranno ad affrontare nell’adeguamento del parco macchine esistente". Per questo motivo il presidente dell’associazione, Carlo Sangalli, ha chiesto con una lettera al ministro dell’Economia, Giovanni Tria, di rinviare al 1 gennaio 2020 il termine per l’entrata in vigore dello scontrino elettronico per tutti.Mancano due decreti ministeriali: uno del Mef che deve indicare le categorie economiche escluse, come avviene già adesso per gli scontrini fiscali; eil secondo, del Mef e dello Sviluppo economico, che individuerà le zone del Paese dove non c’è sufficiente connessione internet; in quel caso si continuerà con lo scontrino cartaceo.

Dopo 36 anni, va in soffitta il vecchio registratore

L’obbligo del registratore di cassa venne introdotto nel 1983, e con esso lo scontrino fiscale. Anche 36 anni fa la data era il 1 luglio, e anche allora l’introduzione fu graduale: dapprima solo i grossi esercizi con volume d’affari superiore a 200 milioni di lire (erano circa 75 mila); poi l’obbligo si estese nel giro di quattro anni a tutti gli esercenti. A introdurre in Italia il meccanismo dello scontrino fiscale — e del relativo registratore di cassa — fu agli inizi degli anni ottanta l’allora ministro delle finanze Franco Reviglio, socialista. Nel 1983, quando il registratore di cassa entrò in vigore, ministro era un altro socialista, Francesco Forte.

I costi per i commercianti. E i vantaggi per negozi e clienti

Il costo medio di un nuovo registratore di cassa digitale è di circa 800 euro. Per i commercianti che se ne dotano è previsto un credito d’imposta del 50%. C’è anche la possibilità di mantenere il vecchio registratore di cassa analogico, adattando un software per il collegamento all’Agenzia delle Entrate. I vantaggi: tutti gli incassi della giornata verranno inviati telematicamente all’Agenzia delle Entrate. In questo modo si potranno confrontare istantaneamente le uscite (le vendite) e confrontare l’Iva incassata e quella pagata per il magazzino. Per i clienti l’archiviazione digitale dello scontrino elettronico, tra i vari usi, comporterà anche il sui utilizzo come garanzia digitale sui prodotti acquistati e quello della conservazione per la presentazione in dichiarazione dei redditi per le detrazioni fiscali.

*Fonte Il Corriere della Sera

LEGGI ANCHE:

Piedimonte San Germano, 68enne si è data fuoco: ricoverata in ospedale

La Pasqua, Papa Francesco e la politica sull'acqua


ARTICOLI CORRELATI
I consiglieri democratici propongono nuova giunta con 8 assessori e un cambio di dirigenti
Il governatore ha aggiunto:"Le Regioni siano disponibili al cambiamento"
L'estate 2013 segna l'ennesimo momento nero del settore. Ecco i dati
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
"La maggioranza si pavoneggia con l'ennesima legge ideologica ed emergenziale, ma ora per le donne che subiscono violenza denunciare diventa ancora più rischioso"
2
Lo ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, a margine dell'assemblea della Saf
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]