Lunedì 20 Maggio 2019 ore 07:26
SENTENZA
Bimba di Latina avrà 2 mamme come genitori. Lo ha stabilito il Tribunale
I giudici: “La piccola è sembrata serena e legata oltre che alla madre anche alla compagna della madre e le chiama entrambe mamma"

Avrà due mamme come genitori. Lo ha stabilito il Tribunale per i Minori di Roma con una sentenza emessa nelle scorse settimane dai giudici che hanno seguito il caso, che hanno sciolto la riserva sul ricorso presentato da una donna di Latina convivente di un'altra donna, quest'ultima madre della piccola nata da una relazione con un uomo alcuni anni fa. 

Il Tribunale, dunque, ha accolto la richiesta, consentendo alla piccina anche di avere un doppio cognome oltre che due mamme. Nel corso del processo è emerso che la donna che ha presentato ricorso convive con l’alta donna da più di quattro anni e che la “struttura” familiare, oltre a essere molto stabile è anche armoniosa, come è emerso dagli accertamenti predisposti dai giudici. Il clima a casa è sereno e tranquillo e soprattutto unito ed entrambe le donne ritengono che sia prioritario l'interesse della minore.

“La piccola - secondo i magistrati che hanno emesso questa sentenza - è sembrata serena e legata oltre che alla madre anche alla compagna della madre e le chiama entrambe mamma. In questo caso - hanno messo in rilievo i giudici - la piccina convive dalla nascita con la ricorrente e la compagna madre biologica. Il legame con le due donne è inscindibile a prescindere nulla di diverso rispetto a un vincolo genitoriale. Sia gli assistenti sociali che la psicologa hanno riportato delle valutazioni molto positive sullo stato di salute sia fisica che psicologica della piccola, inoltre oltre a essere molto legata alle due donne, anche la presenza costante dei familiari delle due madri, non risulta isolata e pregiudicata a livello emotivo”.

LEGGI ANCHE:

Omicidio Serena Mollicone, il padre Guglielmo: "Devono arrestarli tutti"

Marcello Lippi si racconta: "Omosessualità nel calcio? Immagino esista"


ARTICOLI CORRELATI
Storica sentenza del Tribunale per i Minorenni di Roma: bambina affidata a una coppia di donne. Infiamma il dibattito
I medici fecero l’impossibile per salvarla e per 5 lunghissimi giorni la bambina fu attaccata ai macchinari
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
2
Da segnalare che all'interno della stazione ferroviaria di Frosinone manca un sistema di videosorveglianza
3
E così, da cinquant'anni pare non si possa essere di "sinistra", senza essere antifascisti...
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]