Domenica 18 Agosto 2019 ore 23:16
Papa Francesco ha incontrato la famiglia rom di Casal Bruciato a Roma
Bergoglio: "Prego per voi, vi sono vicino. Soffro per quanto vi è capitato, questa non è civiltà"

"Resistere".  E' questo l'invito che Papa Francesco ha rivolto alla famiglia rom contestata e insultata a Casal Bruciato, Roma, durante un incontro nella sagrestia di San Giovanni in Laterano. Bergoglio li ha incoraggiati a rivolgersi alla Chiesa per qualunque necessità. La famiglia ha raccontato la propria storia, spiegando di essere musulmana. "Prego per voi, vi sono vicino. Soffro per quanto vi è capitato, questa non è civiltà", ha aggiunto il Pontefice. Le tensioni che hanno scosso Roma riguardano non soltanto la cronaca, con i primi denunciati per le violenze contro l'assegnazione della casa popolare alla famiglia rom, in particolare l'autore delle minacce di stupro alla mamma, ma anche il versante politico.  Ricevendo per un incontro di preghiera le comunità nomadi nella Sala Regia, quella dedicata alle udienze con i capi di Stato e la diplomazia, Bergoglio ha detto che "è vero, ci sono cittadini di seconda classe, ma i veri cittadini di seconda classe sono quelli che scartano la gente, perché non sanno abbracciare, sempre con gli aggettivi in bocca, e scartano, vivono scartando, con la scopa in mano buttano fuori gli altri. Invece la vera strada è quella della fratellanza e tutti dobbiamo collaborare".

Con un richiamo del Pontefice anche a rom e sinti presenti a "lasciarsi dietro il rancore. Il rancore ammala tutto, ammala la famiglia. Ti porta alla vendetta, ma la vendetta io credo che non l'avete inventata voi. In Italia ci sono organizzazioni che sono maestre di vendetta, voi mi capite bene. Un gruppo di gente che è capace di creare la vendetta, di vivere l'omertà: questo è un gruppo di gente delinquente, non gente che vuole lavorare. Tutti sono persone. Non possiamo dire sono brutti, sono buoni. L'aggettivo è una delle cose che creano distanza tra la mente e il cuore. E' questo il problema di oggi. Se voi mi dite che è un problema politico, è un problema sociale, culturale, di lingua, sono cose secondarie: il problema è di distanza tra la mente e il cuore".

LEGGI ANCHE:

Colleferro, Polo Logistico: Amazon, posto un albero come prima pietra

Saviano: "Di Maio getta pane al popolo mentre a Roma avanza il fascismo"


ARTICOLI CORRELATI
Decisione presa dopo che Papa Francesco ha fatto sapere di non poter presenziare all'evento
Bambino di 6 anni investito sulle strisce pedonali mentre attraversava con la famiglia. "Non mi sono accorto che dietro di loro era rimasto il bambino", ha tentato di giustificarsi il conducente
Il titolare di un bar-pasticceria ha denunciato mesi di estorsioni. Fermato dai Carabinieri il responsabile
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Dopo una rissa ruba un'auto e in velocità attraversa l'isola pedonale sfiorando i clienti dei bar, ruba un coltello e ferisce 4 vigili
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]