Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 19:47
RUBRICHE
Imu e Taser, la macabra ironia degli acronimi
di Massimo Persotti

Da Invim a Trise. La storia della tassazione in Italia passa anche e soprattutto il ricorso agli acronimi, formule linguistiche che hanno consentito di celare o rendere meno odiose misure così invise ai cittadini. Negli ultimi 40 anni, abbiamo registrato un autentico campionario di acronimi fiscali. Dall'Invim (imposta sull'incremento del valore aggiunto) nel 1972, un nome che richiama vagamente un celebre detersivo, all'Isi, l'imposta straordinaria sugli immobili, così straordinaria che, come spesso capita in Italia, diventa ordinaria e stabile. Tant'è che si tramutò poi in Ici, quindi in Imu per arrivare alle soluzione più recenti, come Trise.

Per Marco Ferrante (Messaggero, 18 ottobre 2013) c'è un "losco fascino iniziatico negli acronimi fiscali". O forse una macabra ironia, come ha spiegato Federica Colonna (La Lettura, Corriere della Sera, 13 ottobre 2013). Basti pensare come Imu, l'imposta municipale unica, simbolo per eccellenza della tassazione per milioni di italiani e bandiera elettorale di Silvio Berlusconi, nelle chat americane si trasforma in una frase d'amore, I miss you, mi manchi. Mentre Taser, la prima versione della tassa sui servizi, poi rapidamente abbandonata, richiamava in modo assai infelice la pistola in dotazione alle forze dell'ordine americane usata per immobilizzare ogni malcapitato per effetto di una sorta di elettroshock.

Ci spiega Federica Colonna, quando l'acronimo raggiunge il successo, ciò avviene essenzialmente per due motivi: linguistico, perché ci fa rispamiare tempo e spazio nella scrittura e perché è facile da comprendere e ricordare; l'altro psicologico, perché in fondo è una formula liberatoria, è la nostra parte ribelle del linguaggio che si oppone ai diktat linguistici della società che pensa e parla bene. Lasciamo a voi la scelta di esprimere i vostri sentimenti con un classico 'ti voglio bene' o per il più liberatorio 'tvb'.


ARTICOLI CORRELATI
di Massimo Persotti
di Massimo Persotti
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Centoquindici i fuochi d'artificio sparati sul mare per salutare il doppio compleanno dei festeggiati
2
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
3
Luttuosi, snob e cattivi
4
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 miliardi di euro
5
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
1
L’isola d’Elba è molto vicina alla costa italiana e la si raggiunge comodamente in traghetto in poco più di un’ora
2
Tra i tanti preparativi vi è sicuramente la scelta della truccatrice e acconciatrice
3
Negli ultimi tempi è aumentato notevolmente il numero di persone che sogna di lavorare nel mondo dello spettacolo
4
Il settore del gioco d’azzardo è da sempre uno dei più controversi e i casinò online italiani legali certificati ne sanno qualcosa
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]