Lunedì 24 Giugno 2019 ore 19:23
NUOVE METODOLOGIE
Tumore alla prostata, addio biopsia: ecco il test in 5 minuti
A spiegarlo è Massimo Perachino, urologo e segretario generale dell’associazione degli urologi italiani (Auro)

La biopsia oggi è l’unico metodo per fare la diagnosi del tumore alla prostata. Ma in parallelo si stanno sviluppando metodi alternativi, meno invasivi per i pazienti e meno costosi per il servizio sanitario nazionale. Test che possono essere fatti "in cinque minuti nell’ambulatorio del medico". A spiegarlo è Massimo Perachino, urologo e segretario generale dell’associazione degli urologi italiani (Auro), durante il congresso nazionale che si sta svolgendo a Bologna. "Quando c’è un sospetto clinico- spiega Perachino- dobbiamo prelevare uno o più pezzettini di prostata per la diagnosi". La biopsia però "presenta complicanze e non tutti i pazienti la accettano, perchè può essere dolorosa anche se fatta in anestesia locale, genera stress e rischi". Per questo, continua lo specialista, "ci sono pazienti che preferiscono avere alternative, soprattutto per le biopsie che poi danno risultato negativo, ovvero che col senno di poi non sarebbero state necessarie". Le nuove metodologie allo studio, spiega Perachino, "sono varie" e si basano su sperimentazioni non ancora arrivate a essere presenti nei livelli essenziali di assistenza (Lea). La più testata ad oggi è "La biopsia liquida, effettuata sulle urine del paziente dopo un massaggio prostatico. In base al dosaggio di alcuni geni presenti nelle cellule tumorali- spiega Perachino- questa metodologia consente di avere un’accuratezza diagnostica vicina al 97% in termini di probabilità o meno di tumore".

Ci sono poi altre metodiche, basate invece "sul dosaggio di particolari componenti nel sangue". La sperimentazione più recente riguarda "un algoritmo diagnostico" basato sul dosaggio del Psa (antigene prostatico specifico) nel sangue, l’età del paziente e la sua familiarità con la malattia. "Alla fine- afferma Perachino- viene un risultato che ci dice quanto è probabile la presenza del tumore alla prostata" e in questo caso "i pazienti con maggiore certezza dovranno poi essere sottoposti alla biopsia". Con l’utilizzo di queste metodiche, sottolinea l’esperto, "si riesce a ridurre anche del 50-60% il numero delle biopsie non necessarie". I metodi alternativi hanno "sicuramente costi inferiori rispetto a una biopsia– continua Perachino- che comporta costi tecnici e anche sociali, perchè richiede l’ospedalizzazione del paziente, anche se solo per un giorno, e a volte anche un periodo di convalescenza, perchè alcuni pazienti possono avere sintomi post-bioptici, che quindi genera assenze dal lavoro". Tutti costi che invece "con un semplice test che si può fare anche nell’ambulatorio del medico in cinque minuti sicuramente sono inferiori- sottolinea il segretario generale Auro- per poi destinare solo ai soggetti che hanno un vero sospetto di tumore la biopsia vera e propria".

Leggi anche:

Spallanzani Roma, lavaggio mani 60 secondi allontana rischio infezioni

Di Bella: la Prevenzione farmacologica dei tumori


ARTICOLI CORRELATI
Il metodo Di Bella è in grado di guarire il tumore alla prostata senza ricorrere alla chemioterapia o alla radioterapia
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
Una prestigiosa rivista scientifica ha evidenziato l'efficacia del MDB nella cura dei tumori a prostata e mammella
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]