Martedì 21 Gennaio 2020 ore 03:34
OMICIDIO A CASA
Monterotondo:"Tutti sapevano, sentivano", l'omertà dei vicini di Deborah
"E' accaduto quello che avviene abitualmente ovvero che Lorenzo aveva dato in escandescenze"

"Se avessimo chiamato i carabinieri, anche solo una settimana fa, tutto questo non sarebbe accaduto". Sono le lacrime tardive di un vicino di casa di Deborah Sciacquatori la 19enne che domenica all’alba ha ucciso il padre al culmine dell’ennesima aggressione in casa. E' un clima di omertà quello che per anni ha sommerso le urla e le violenze al 2 di via Aldo Moro, a Monterotondo. 

"Tutti sapevano, tutti sentivano", ha spiegato il procuratore Francesco Menditto, come ammesso dai testimoni agli inquirenti, guardandosi bene però dal denunciare. Solo quando il sangue di Lorenzo Sciacquatori ormai sporcava il marciapiede, domenica mattina un vicino chiama l’ambulanza.

Dall’alba di domenica e per qualche ora la confusione non convince gli inquilini del palazzo a chiamare i carabinieri. Nemmeno quando la ragazza, la mamma e la nonna si precipitano giù per le scale inseguite dal padre e rincorse dalla zia che prova ad aiutarle. "Questo è uguale da Nord a Sud e avviene tutti i giorni in tutta Italia" ha precisato il procuratore Menditto, commentando lo scarso senso civico e la poca propensione a segnalare episodi di questo tipo.

"Ho sentito le solite grida anche stanotte provenire dall’appartamento perché questo accadeva continuamente".

"E' accaduto quello che avviene abitualmente ovvero che Lorenzo aveva dato in escandescenze" e ancora: "Non mi sono neanche allarmato perché Lorenzo (la vittima ndr) non era nuovo a simili comportamenti". Sono le testimonianze degli altri inquilini del palazzo in via Aldo Moro, le parole di chi più volte non è riuscito a tapparsi le orecchie mentre la vittima minacciava di morte la compagna Antonia e che, nonostante questo, ha preferito "non impicciarsi".

"Era peggiorato, di continuo sentivo che minacciava la mamma Maria, la figlia e soprattutto la compagna" ha raccontato un uomo. "Ho sentito che discutevano animatamente, non volevo impicciarmi" ha ripetuto per ben tre volte al procuratore un’altra testimone che ha visto anche quello che è accaduto nei momenti successivi.  (Adnkronos)


ARTICOLI CORRELATI
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
Quasi un milione di euro all'agenzia Dire, 500mila all'Adn Kronos e all'Agi, 300mila euro a La Presse, 200mila a Italpress
Sconosciuti i motivi del gesto. La donna, 81 anni, è in gravi condizioni
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Il terribile scoppio in una palazzina in via Capo Soprano
Data di pubblicazione: 2020-01-20 10:04:52
2
In alcune aree, tra cui l'Europa occidentale, è impossibile inviare contenuti multimediali quali video e messaggi vocali
Data di pubblicazione: 2020-01-19 19:04:08
3
Il blitz all'alba è ancora in corso su Viterbo, Frosinone, fino a Reggio Calabria
Data di pubblicazione: 2020-01-20 08:07:29
4
L'OMICIDIO DI SERENA MOLLICONE NEL GIUGNO 2001 Delitto di Arce, l'Arma dei carabinieri si costituisce parte civile
Dopo 18 anni di indagini e depistaggi l'Arma dei Carabinieri prende posizione sul caso Mollicone
Data di pubblicazione: 2020-01-20 10:37:32
5
In corso le operazioni dei Vigili del Fuoco per mettere in sicurezza la zona e fare rilievi del caso. Un cedimento del manto stradale di circa 40 metri quadrati
Data di pubblicazione: 2020-01-20 11:51:24
1
Il presidente del gruppo Goia: "Abbiamo creduto nel governo giallo-verde, ora siamo di nuovo spremuti come limoni"
Data di pubblicazione: 2020-01-10 12:30:56
2
I soccorsi sanitari hanno constatato lo schiacciamento degli arti inferiori, disponendo il trasporto attraverso l'eliambulanza al Policlinico Agostino Gemelli di Roma FOTO
Data di pubblicazione: 2020-01-11 19:27:55
3
Poco prima delle 6:00 un’abitazione in via Fontanelle è andata a fuoco, sembrerebbe a causa di un cortocircuito
Data di pubblicazione: 2020-01-01 13:04:10
4
Incidente stradale sulla Strada Statale 4, in cui sono rimaste coinvolte due autovetture
Data di pubblicazione: 2020-01-05 16:03:59
5
I Monti Prenestini sono molto ricchi di biodiversità. Oltre al ritorno del cervo, anche la presenza del gatto selvatico, dato quasi per estinto, è un segnale molto importante
Data di pubblicazione: 2020-01-12 17:50:49
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA
4
IL SINDACO SANNA: "COLLEFERRO DIFFERENZIA AL 70%, ROMA AL 46%"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]