Lunedì 24 Giugno 2019 ore 19:21
LA LOCANDINA DI APICIO
Dal tonno, alle alici, al pescato dei nostri mari: 50 anni di Iasa
La locandina di Apicio è la rubrica dedicata al food di Domenico di Catania economista e esperto di enogastronomia

Dal tonno, alle alici, al pescato dei nostri mari: 50 anni di innovazione e tradizioni Iasa

Consumato sulle tavole di tutto il mondo e degli italiani il tonno è un alimento insostituibile. Famoso dai tempi della preistoria, come confermano i ritrovamenti di disegni che lo rappresentano nella grotta del Genovese a Levanzo (Trapani), veniva elogiato nell’età classica per le sue proprietà nutrizionali e terapeutiche. Archestrato di Gela nel IV sec. a.C., Aristotele, Plinio, Plutarco e molti altri cantavano le lodi del suo gusto. Il tonno, forte e deciso di sapore, é stato da sempre la più importante fonte di ricchezza economica in tutto il bacino del Mediterraneo; questo non solo perché era consumato e apprezzato ma anche perché sottoposto a lunghe catene di conservazione dava lavoro a molti nelle vecchie tonnare, come quelle famose di Cetara, centro altrettanto famoso per le alici, le buonissime alici, pesce azzurro per eccellenza, conservate in filetti, e l’unica e incommensurabile colatura di alici di Cetara di cui origini risale ai Romani, che producevano una salsa molto simile chiamata garum, recuperata successivamente nel Medioevo da parte dei gruppi monastici presenti in Costiera, i quali ad agosto erano soliti conservare sotto sale le alici in botti di legno con le doghe scollate e poste in mezzo a due travi, dette ‘mbuosti; sotto l'azione del sale, le alici perdevano liquidi che fuoriuscivano tra le fessure delle botti. Il procedimento si diffuse successivamente tra la popolazione di Cetara, che la perfezionò con l'utilizzo di cappucci di lana per filtrare la salamoia.

Straordinario interprete di tutto questo, mantenendo intatta la tradizione, è l’azienda al femminile capitanata da Lucia Di Mauro e dai suoi fratelli; ereditata dal padre, la grande tradizione familiare è anche innovazione, queste due parole potrebbero sembrare quasi antagoniste ma tale binomio diventa fondamentale quando, da cinquanta anni, la ricerca continua d’innovarsi “che è sempre stata nel dna della famiglia Di Mauro” si combina con la tradizione trasformandosi in grandi prodotti di eccellenza.

Infatti la IASA, fondata nel 1969, forte di un passato dal grande legame col proprio territorio da una famiglia originaria di Cetara famoso come già detto per la pesca e la lavorazione del tonno, delle alici e della colatura di alici è una azienda dinamica con la duttilità di un’azienda in costante evoluzione, capace di cogliere tutte le occasioni di miglioramento e di innovazione provenienti da qualsiasi fonte e pronta ad affrontare il mercato stesso offrendo la miglior qualità possibile inerente a servizi e prodotti.

Personalmente, entrando nei laboratori, vengo inebriato dai profumi di “buono del mare” e guardo le abili mani delle signore che lavorano il tonno e le famose alici di Cetara che da buon salernitano riconosco subito … e resto incantato pensando che davvero esiste l’artigianalità, le sapienti mano degli uomini - pardon delle donne - che realizzano queste eccellenze come un tempo! Continuo il mio tour in azienda e mi fermo di nuovo incantato, come un bimbo nel guardar le vetrine di giocattoli, le scintillanti confezioni in vetro con dei filetti di tonno e alici di tutte le dimensioni e già mi vedo nello “sbranare” il filettone di tonno contenuto nel grande “boccacio” di vetro da 3 chili…FANTASTICO! Nel mentre Lucia Di Mauro mi spiega che: «Siamo stati i primi, nel 1985, a pensare alla confezione di vetro per valorizzare il nostro prodotto, che era ed è, come si può vedere interamente lavorato a mano. Ora siamo i primi, mi continua a spiegare la vulcanica Lucia, a introdurre una linea di sughi già pronti, presentata a “Tutto Food 2019” riscuotendo, peraltro, un notevolissimo successo di pubblico e di curiosità da parte degli addetti al settore che guardano la società IASA come un riferimento a livello italiano di innovazione sui prodotti ittici, qualcuno anche esagerando! E mi fermo qui…

Tornando sulla linea dei sughi già pronti ecco i magnifici 3:

Messicana di tonno: la morbida piacevolezza del tonno con il contrasto “dell’eccitante caldo” del piccante. Al gusto estasiante!

Genovese di tonno: la dolcezza della cipolla con il profumo del mare del tonno che rinnova la tradizione perché più leggera e fresca rispetto alla napoletana fatta con la carne! Al gusto sublime!

Ragù di tonno: La classicità del ragù incontra il gusto deciso del tonno diventando un gustosissimo primo piatto di mare! Al gusto percepisco l’intensità delle cose buone del passato. Eccellente!

Ma i magnifici 3 fanno parte delle oltre 60 referenze che attesta Iasa azienda Leader in innovazione e assortimento, Infatti, alla tradizionale ma svariata produzione del tonno e delle alici di Cetara, si affianca la lavorazione e del salmone grigliato, del branzino e dell’orata e del peperoncino in olio e crema tutto ciò grazie a una vera e propria innovazione relativa al processo di cottura che garantisce la massima qualità e gusto di un piatto pronto dal facile e piacevole consumo.

Da esperto del settore mi permetto di affermare che IASA è esperienza, innovazione e grande qualità tre fattori che gli permettono da cinquanta anni i meritati e continui successi contribuendo a mantenere alta l’eccellenza dei prodotti alimentari in Italia e all’estero.

Grazie Iasa e complimenti!

Domenico di Catania

3881220881

http://www.modusconsulenze.it

 

Leggi anche:

Birra Agrado: dal Belgio ai monti Picentini, profumi di una grande birra

Nutraceutica e alimenti funzionali: siamo ciò che mangiamo?


ARTICOLI CORRELATI
Rivolta di pescatori in Liguria. “I tonni mangiano tutto il pesce!”
Specie tutelata e protetta da leggi specifiche perché in via di estinzione
I PIU' LETTI IN CUCINA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
2
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
3
Un locale nel centro di Roma tra Martini, cocktail sartoriali, una cucina di grandi materie prime e una carta vini importante e divertente
4
La richiesta di prodotti italiani all’estero è alta, il successo di Eataly a New York lo dimostra
5
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]