Lunedì 23 Settembre 2019 ore 04:38
Arcani: l'Imperatrice, la carta di agosto, racconta fasto e prosperità
Ve l’avevo detto che il calendario Donne Arcani è forse dedicato più alle donne che agli uomini?

Lo ammetto, mi identifico molto in questa figura degli Arcani Maggiori, che non ho voluto rappresentare in modo canonico, ovvero nel fasto e la prosperità materiale, bensì con una corona di fuscelli e uno scettro di legno trovato in natura. Si, perché l’imperatrice è madre natura, è colei che genera abbondanza e amore. E’ l’archetipo della madre, ed io, come madre, unitamente alla gran parte delle madri del pianeta, so che nulla scatena la stessa potenza e ardore, se non l’amore per un figlio. Un amore del tutto affrancato dalle dinamiche di altri legami amorosi dove, salvo rare eccezioni, si dona sé stessi e la propria dedizione in malcelata aspettativa di un egual ritorno. Invece la madre è come fosse programmata dalla natura o dalla genetica, a darsi totalmente e incondizionatamente dedicando le proprie energie fino quasi a prosciugarsi, sapendo che con ogni probabilità non riceverà nulla in cambio. Non può non farlo. Penso però che quest’Imperatrice voglia anche indicarci che la presenza di sé, essere sovrana di sé stessa, sia una giusta condizione per non lasciare che si venga alla fine completamente risucchiate e depauperate. Questo incontrollabile amore materno non deve prescindere dall’amore e la stima per noi stesse. Essere madri, bimbe, regine, amanti. L’Imperatrice siede sul trono senza rinnegare nessun aspetto della propria femminilità, ci indica la capacità di donarsi con equilibrio perfino come madri. Ovviamente questo vale ancor di più come mogli e compagne, spesso ci diamo troppo e inconsapevolmente ammettiamo di non aver valore come sovrane di noi stesse.

Ve l’avevo detto che il calendario Donne Arcani è forse dedicato più alle donne che agli uomini? Comunque nel prossimo articolo di anticipazione del calendario, qualche dettaglio in più al riguardo. Vi saluto con regalità e sana autorevolezza facendo miei i concetti chiave legati a questo Arcano: La Dea si fa Donna, si incarna, passa dal Sottile al Denso e quindi perde alcuni dei suoi attributi divini che le sono serviti per concepire una creatura e che verranno riacquistati solamente dopo aver dato alla luce il Figlio delle Stelle. Siamo tutti Figli delle Stelle, nel senso che il filamento genetico è il frutto di una sapiente programmazione estranea al Caso e codificata dagli Dei, o essenze.

 


ARTICOLI CORRELATI
Saranno chiuse al traffico piazza Santa Maria Maggiore, via dell'Esquilino, via Liberiana, via Carlo Alberto e via Merulana
Maggio, mese delle mistiche, delle sante e delle grandi donne che si sono rese strumento del divino
Eccomi a parlare di giustizia nel mio modo poco canonico: la presento, come nella foto di copertina, in uno stato di resa e con le mani legate
I PIU' LETTI IN RUBRICHE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Data di pubblicazione: 2019-09-22 09:55:34
2
Ormai se ne sono accorti tutti: il mondo del gaming sta letteralmente volando grazie al successo sui dispositivi mobili
Data di pubblicazione: 2019-09-22 11:50:11
1
La Comunità di Sant'Egidio, movimento laicale ispirato al cattolicesimo, si preoccupa di diffondere la parola del vangelo e si dedica alla preghiera
Data di pubblicazione: 2019-09-09 18:20:50
2
Si sa che PayPal è uno dei sistemi di pagamento online più utilizzati in tutto il mondo
Data di pubblicazione: 2019-09-10 15:40:52Data di pubblicazione: 2019-09-07 18:24:13Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:21:13
5
Sempre più spesso sentiamo parlare di yoga, una pratica che negli ultimi anni ha riscosso un successo enorme
Data di pubblicazione: 2019-09-03 16:37:46
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]