Domenica 20 Ottobre 2019 ore 18:34
PRIMO PIANO
Governo rosso-giallo, l’occhio di Sauron-Mattarella sul Premier incaricato
Nuovo round della trattativa M5S-Pd, ma difficilmente il Quirinale darà il disco verde a un Conte-bis senza garanzie

"C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico". È la tensione tra (possibili) partner di Governo, che monta e scema a ondate e deve sconcertare anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: difficilmente, altrimenti, si sarebbe avuto l’incontro improvviso e non in agenda con il Presidente del Consiglio bi-incaricato Giuseppe Conte - nonostante i tentativi di derubricarlo a prassi ordinaria.

Né il Quirinale deve aver gradito più di tanto l’assenza dei big Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti dal successivo colloquio dell’avvocato del popolo con le delegazioni M5S e Pd. A sparigliare le carte era stato infatti il capo politico pentastellato con l’ennesimo diktat sugli ormai celebri 20 punti programmatici che il Partito Democratico dovrebbe sottoscrivere a scatola (semi)chiusa.

Praticamente una resa senza condizioni - e non è un caso che i dem siano andati su tutte le furie per la modalità, non per i contenuti, su cui tra i due partiti non dovrebbero registrarsi distanze incolmabili. Tanto che il Governatore del Lazio ha fatto spallucce al sobrio appello con cui l’ex Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda lo invitava a ripensare la possibile alleanza («apriamoli come le cozze»). E tuttavia, uscendo dalla (ennesima) riunione con il bis-Premier, i capigruppo Pd hanno nuovamente posto l’accento sulla necessità di un chiarimento.

Anche perché, nel frattempo, a spargere benzina sul fuoco ci ha pensato Alessandro Di Battista, che ogni tanto riesce a sfuggire al bavaglio impostogli per evitare che faccia danni con le sue esternazioni - la specialità della casa. Nel caso in essere, Dibba ha fondamentalmente criticato il Partito Democratico per aver osato parlare di ultimatum del MoVimento, aggiungendo che l’eventuale fallimento dei negoziati sarebbe colpa dei dem. Mancava solo che precisasse che dovrebbero genuflettersi e ringraziare (e ci è andato vicino), poi il delirio sarebbe stato completo. Di fronte a un “ragionamento” del genere, che altro si può fare se non allargare le braccia? È semplicemente da applausi. O da manicomio.

Farneticazioni a parte, appare poco probabile che il Capo dello Stato accetti il varo di un Conte-bis che rischia di replicare, se non di amplificare la litigiosità del Conte-semel. Un Governo che si regga solo sul doppio terrore di venire spazzati via dal giudizio degli elettori e di vedere il trionfo della Lega di Matteo Salvini non darebbe alcuna garanzia - anche se avrebbe il plauso di certi poteri forti.

A Conte l’arduo compito di tentare una sintesi tra le posizioni, spesso contrapposte, dei due azionisti di riferimento dell’eventuale esecutivo rosso-giallo. Con lo sguardo del Colle sempre puntato addosso, come l’occhio di Sauron sulla Contea - che è anche appropriato. E la spada di Damocle delle urne sempre e costantemente affacciata all’orizzonte.

Terremoto magnitudo 4,1 vicino a Norcia, paura ad Amatrice e Accumoli


ARTICOLI CORRELATI
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
Il confronto tra Zingaretti e Di Maio è fermo sul nome del presidente del Consiglio
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Cinque minuti, "il tempo che evidentemente dedica ogni giorno a Roma per averla ridotta in questa condizione"
Data di pubblicazione: 2019-10-03 16:09:17
2
"L'ordine dei medici del Lazio denuncia il rischio di un'emergenza sanitaria se non arriva una soluzione immediata per i rifiuti"
Data di pubblicazione: 2019-10-02 16:35:14
3
Di presentarsi alle prossime elezioni da sindaco della Capitale la leader di Fdi non ci pensa. Di fare opposizione nemmeno. Meglio andare in tv senza rischiare
Data di pubblicazione: 2019-10-06 17:37:52
4
Nota del Comune: "Soltanto ieri è stato possibile prendere visione del materiale video e così avviare le procedure evidenziate"
Data di pubblicazione: 2019-10-09 11:16:36
5
Finisce così l'avventura del sesto gruppo di amministratori Ama in poco più di tre anni dopo gli amministratori unici Fortini, Solidoro, Giglio e Bagatti e il cda guidato da Bagnacani
Data di pubblicazione: 2019-10-01 20:38:06
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]