Martedì 17 Settembre 2019 ore 06:43
Se ha lavorato nei campi, Teresa Bellanova può fare il ministro più degli altri
Nata a Ceglie Messapica nel 1958, la neo titolare dell’Agricoltura ha solo la licenza media ma si è fatta un mazzo così con la vanga in mano

Non ha potuto continuare gli studi perchè doveva lavorare nei campi. Per Giove! Ce ne fossero di più di ministri come questi che si sono fatte le ossa nel vero senso della parola. Niente curruculum altisonante e non serve nemmeno andarlo a verificare, come accaduto per esempio col nostro presidente del Consiglio. Nata a Ceglie Messapica nel 1958, la neo ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova ha solo la licenza media. Ha  abbandonato gli studi, infatti, per andare a lavorare nei campi.

Per questo il web l'ha derisa, facendo apprezzamenti sgradevoli sulla sua persona. E' venuto fuori il peggio dell'Italia. Come se un titolo di studio o l'aspetto fisico fosse sufficiente a giudicare un politico o una qualsiasi altra persona. Io non voglio un ministro dell'agricoltura laureata o con i tacchi a spillo, ma con i calli alle mani per aver impugnato una zappa.  

Teresa Bellanova entra giovanissima nelle organizzazioni sindacali dei braccianti e si impegna contro la piaga del caporalato. Nel 1988 diventa segretaria provinciale della Flai Cgil (Federazione Lavoratori Agroindustria) e nel 1996 segretaria provinciale della Filtea Cgil (Federazione italiana Tessile Abbigliamento Calzaturiero). Nel 2008 entra per la prima volta alla Camera dei deputati nelle file del Pd, nel 2016 diventa viceministro dello Sviluppo Economico nel governo Renzi e poi Gentiloni.

Rispetto ministro e buon lavoro da parte della nostra redazione. 

 

Governo: Conte-bis, per chi suona la campanella...

Latina, donna cade da tromba delle scale da ottavo piano in viale Nervi e muore


ARTICOLI CORRELATI
La polemica maschilista sul vestiario della neo ministra all'agricoltura non ha motivo di esistere. Basta ricordare gli abiti di alcuni politici italiani
"Siamo tutti al lavoro, il nostro impegno è totale: c'è solo da lavorare e fare poche parole"
Lo segnala il ministro Lorenzin a "Il Messaggero", chiamando in causa anche la Raggi: "Dopo un anno di governo tenga almeno pulita la città"
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Salvini era stato facile profeta: ma la Ocean Viking che sbarca a Lampedusa fa infuriare anche il sindaco dell’isola
Data di pubblicazione: 2019-09-15 08:29:34
2
Renzi spiegherà la sua decisione martedì 17 settembre, in una intervista a 'Repubblica' e a 'Porta a Porta'
Data di pubblicazione: 2019-09-16 23:30:06
1
L'ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sta vivendo un momento di grande popolarità, grazie anche al birichino utilizzo dei social
Data di pubblicazione: 2019-09-02 13:52:50
2
Nata a Ceglie Messapica nel 1958, la neo titolare dell’Agricoltura ha solo la licenza media ma si è fatta un mazzo così con la vanga in mano
Data di pubblicazione: 2019-09-06 09:16:26
3
Giovedì alle 10:00 il giuramento del nuovo esecutivo
Data di pubblicazione: 2019-09-04 20:44:49
4
Il discorso del Premier Bis regala, as usual, molto fumo e poco arrosto. E una serie di nodi che prima o poi dovranno venire al pettine
Data di pubblicazione: 2019-09-10 08:51:06
5
Nuovo round della trattativa M5S-Pd, ma difficilmente il Quirinale darà il disco verde a un Conte-bis senza garanzie
Data di pubblicazione: 2019-09-01 07:55:07
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]