Domenica 20 Ottobre 2019 ore 18:26
PRIMO PIANO
Boris Johnson, il cavaliere oscuro che l’Inghilterra non merita ma ne ha bisogno
Alcuni Governi, come il Conte-bis, nascono genuflessi alla Ue. Altri, come quello britannico, provano a rispettare il mandato ricevuto dagli elettori

Ci sono Governi che nascono in ginocchio, genuflessi fin dai primissimi vagiti all’Europa franco-tedesca dei burocrati e delle élites. Tipo il Conte-bis, creato a immagine e somiglianza di una casta che rispetta la volontà del popolo solo quando questo vota in accordo con i propri desiderata.

E poi ci sono esecutivi che sorgono da esigenze diverse, avvertite dagli elettori che, in una vera democrazia, sono gli unici depositari della sovranità. Esecutivi che vengono alla luce con la schiena dritta, e dritta tengono la barra anche di fronte agli ostacoli frapposti dalla Ue, dai media eternamente proni e dai poteri forti euroinomani. Tipo i Governi nati nel Regno Unito dopo il referendum sulla Brexit - e in particolare l’ultimo, guidato da Boris Johnson.

Lo chiamano il “Trump britannico”, l’ex sindaco di Londra, e in effetti con il Presidente U.S.A. ha molto in comune, a partire dalla somiglianza estetica e dalla posizione critica (per usare un eufemismo) sull’Unione Europea. Anche BoJo può piacere o non piacere - e di solito non piace per gli stessi motivi per cui viene denigrato The Donald: nazionalista, allergico al politically correct, contraddistinto da uno stile comunicativo spesso giudicato eccessivo. Ma ha anche dei difetti, naturalmente.

Come il tycoon americano, Johnson è stato accusato di aver oltrepassato le prerogative della propria funzione, in occasione dell’annunciata sospensione del Parlamento. Peccato che il blocco, già avallato dalla Regina Elisabetta II, sia stato poi giudicato legittimo anche da due tribunali, uno scozzese e uno londinese. “Tanto rumore per nulla”, verrebbe da commentare, visto il contesto, citando Shakespeare.

La cessazione dei lavori rompe certamente le uova nel paniere all’opposizione laburista - e anche a quella interna -, fortemente impegnata nel tentativo di scongiurare un’uscita dall’Europa senza accordo. Tentativo che, in realtà, potrebbe essere del tutto pretestuoso, dal momento che, se anche fosse approvata la legge anti-no deal, non è affatto scontato che Bruxelles accetterebbe di rinegoziare i termini dell’addio di Londra. Resta in ballo l’ipotesi di elezioni anticipate, che potrebbero regalare all’inquilino di Downing Street una maggioranza più solida e più incline ad assecondarne la visione - e il mandato ricevuto dagli elettori.

In fondo è questa la grande differenza tra Johnson e i suoi immediati predecessori. Theresa May, per dire, era probabilmente la Premier che i britannici meritavano, ma non quello di cui avevano davvero bisogno. BoJo invece no, BoJo forse non è il leader che l’Inghilterra merita, ma è quello di cui ha bisogno.

E così, mentre l’Italia assiste alla farsa del presidente Pd Paolo Gentiloni che, indicato come commissario europeo da Giuseppe Conte in spregio a ogni criterio di buonsenso, va a prostrarsi in spregio a ogni criterio di buonsenso di fronte alla presidente eletta della Commissione Europea Ursula von der Leyen, la Gran Bretagna rifiuta di piegarsi. A conferma che a un BisConte dimezzato è sempre preferibile un Johnson tutto d’un pezzo. Anche se fosse un cavaliere oscuro.


ARTICOLI CORRELATI
L’occasione è stata la messa di commemorazione per il Commonwealth’s Day presso l’Abbazia di Westmister
Motivo principale dell'incontro la preparazione della città alla sfida del Giubileo, annunciato da Papa Francesco
Sono passate due settimane dal referendum britannico sull’uscita dall’Europa e le tossine si sentono
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Cinque minuti, "il tempo che evidentemente dedica ogni giorno a Roma per averla ridotta in questa condizione"
Data di pubblicazione: 2019-10-03 16:09:17
2
"L'ordine dei medici del Lazio denuncia il rischio di un'emergenza sanitaria se non arriva una soluzione immediata per i rifiuti"
Data di pubblicazione: 2019-10-02 16:35:14
3
Di presentarsi alle prossime elezioni da sindaco della Capitale la leader di Fdi non ci pensa. Di fare opposizione nemmeno. Meglio andare in tv senza rischiare
Data di pubblicazione: 2019-10-06 17:37:52
4
Nota del Comune: "Soltanto ieri è stato possibile prendere visione del materiale video e così avviare le procedure evidenziate"
Data di pubblicazione: 2019-10-09 11:16:36
5
Finisce così l'avventura del sesto gruppo di amministratori Ama in poco più di tre anni dopo gli amministratori unici Fortini, Solidoro, Giglio e Bagatti e il cda guidato da Bagnacani
Data di pubblicazione: 2019-10-01 20:38:06
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]