Martedì 17 Settembre 2019 ore 07:20
Dopo la fiducia la grande sfida che attende il Governo Conte (Ugolino)
Dopo la fiducia del Senato il Premier ha di fronte l’arduo compito di conquistare la fiducia degli Italiani

Alla fine, più che l’onor, poté il digiuno (di potere). Grattando il Carlo Martello di Fabrizio De André (che a sua volta parafrasava il dantesco Conte Ugolino), emerge chiaramente la motivazione del sostegno cieco, pronto e assoluto al Governo grillo-comunista artatamente assemblato dal bi-Premier Giuseppe Conte: motivazione che, a dispetto dei proclami, non c’entra nulla (se non, forse, nel caso di qualche perla rarissima) con la salvezza del Paese, mentre, assai più banalmente, ha molto a che vedere con la salvezza delle poltrone dei diretti interessati.

Il che, intendiamoci, è assolutamente legittimo - solo non facile da ammettere. Eppure, da questo punto di vista l’esecutivo rosso-giallo ha un paradossale vantaggio: il fatto di nascere già inviso alla maggioranza degli elettori. Per dire, secondo una recente rilevazione di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera, il Conte bis è apprezzato solo dal 36% degli Italiani (solo il Governo Gentiloni aveva un gradimento più basso). Difficile, quindi, che la verità possa far perdere una faccia che il popolo già considerava di bronzo.

In effetti, la grande sfida che dovrà affrontare il BisConte è proprio quella di conquistare, dopo la (quasi scontata) fiducia del Parlamento, quella dei cittadini. I quali sembrano avere le idee piuttosto chiare rispetto a quelle che dovrebbero essere le priorità del nuovo esecutivo - né paiono intenzionati a piegarsi alle ideologie dei due azionisti di maggioranza.

I provvedimenti più attesi (sempre da sondaggio di Pagnoncelli) riguardano tutti l’economia, a cominciare dalla Manovra con cui si auspicano una serie di interventi a favore dei ceti più deboli e dei lavoratori - in primis, la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva. Ma forse è altrettanto interessante sottolineare che le misure di cui si sente meno l’esigenza sono un cambio di rotta sulle politiche sull’immigrazione e una legge sul conflitto d’interessi. Due cavalli di battaglia, ma forse sarebbe il caso di dire due ossessioni, la prima del Partito Democratico e la seconda del Movimento Cinque Stelle - o meglio del suo house organ ufficioso.

Va comunque precisato che gli intervistati non nutrono grandi speranze sulle principali disposizioni che verranno adottate dall’ircocervo M5S-Pd: a conferma che l’avvocato del popolo avrà il suo bel daffare a rappresentare il popolo stesso.

L’inizio, del resto, non è stato dei più semplici. Per esempio, l’endorsement di Moody’s in favore di un «Governo di coalizione di centrosinistra» non fa che rafforzare l’idea di un esecutivo imposto dai poteri forti - e messo sotto tutela dall’Europa - contro la volontà e gli interessi degli Italiani.

Né depone a favore della credibilità del bi-Presidente del Consiglio l’impegno a promuovere il «pluralismo dell’informazione» nello stesso giorno in cui Facebook e Instagram hanno oscurato gli account di CasaPound e Forza Nuova. Una censura che, senza voler entrare nello specifico, dovrebbe preoccupare tutti - anche gli intolleranti campioni della tolleranza come il segretario dem Nicola Zingaretti - semplicemente perché nessuno ha nominato Mark Zuckerberg alla guida di un Minculpop virtuale che decide chi ha diritto di parola e chi no.

A tutto ciò si aggiunga il fatto che la Lega ha dichiarato di voler mettere il più possibile i bastoni fra le ruote del proprio ex Capo del Governo: il che non include solo quelle che in definitiva sono delle provocazioni - dialettiche, come la sobria accoglienza del Senato a Conte al grido di «traditore»; o pratiche, come il paventato, massiccio ricorso alla piazza, cui l’ex vicepremier Matteo Salvini ha consigliato di fare l’abitudine. Il Carroccio, infatti, vanta ancora undici presidenti di commissione che, come annunciato da Massimiliano Romeo, capogruppo leghista a Palazzo Madama, non ci pensano neanche a dimettersi: «Li faremo impazzire fino alla fine» ha tuonato, riferendosi agli azionisti di maggioranza.

E la fine potrebbe anche non essere troppo distante, come profetizzano (e auspicano) in tanti, convinti che un esecutivo che abbia come unico collante le poltrone non possa durare a lungo. Si vedrà. Dopotutto, il “tengo famiglia” è un mastice potente, oltre a essere forse la ragione più longeva della storia. E fa tornare in mente un vecchio aforisma di Ronald Reagan, più che mai attuale, secondo cui la politica è il secondo mestiere più antico del mondo: ma certe volte assomiglia molto al primo.

Foto dal sito del Governo.

La Regione Lazio parte con la mappatura delle scuole a rischio amianto

Tragedia nella stazione di Ciampino: un uomo è stato travolto da un treno


ARTICOLI CORRELATI
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
"Un discorso suicida, offensivo, dilettantesco, di un non presidente del consiglio che non è in grado di governare la crisi, ma la sente come un insulto personale"
Ieri via libera a Montecitorio: 453 sì, 153 no, 17 astenuti
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Salvini era stato facile profeta: ma la Ocean Viking che sbarca a Lampedusa fa infuriare anche il sindaco dell’isola
Data di pubblicazione: 2019-09-15 08:29:34
2
Renzi spiegherà la sua decisione martedì 17 settembre, in una intervista a 'Repubblica' e a 'Porta a Porta'
Data di pubblicazione: 2019-09-16 23:30:06
1
L'ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sta vivendo un momento di grande popolarità, grazie anche al birichino utilizzo dei social
Data di pubblicazione: 2019-09-02 13:52:50
2
Nata a Ceglie Messapica nel 1958, la neo titolare dell’Agricoltura ha solo la licenza media ma si è fatta un mazzo così con la vanga in mano
Data di pubblicazione: 2019-09-06 09:16:26
3
Giovedì alle 10:00 il giuramento del nuovo esecutivo
Data di pubblicazione: 2019-09-04 20:44:49
4
Il discorso del Premier Bis regala, as usual, molto fumo e poco arrosto. E una serie di nodi che prima o poi dovranno venire al pettine
Data di pubblicazione: 2019-09-10 08:51:06
5
Nuovo round della trattativa M5S-Pd, ma difficilmente il Quirinale darà il disco verde a un Conte-bis senza garanzie
Data di pubblicazione: 2019-09-01 07:55:07
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]