Venerdì 15 Novembre 2019 ore 19:54
FRAZIONE CAMPO DI MARE
Cerveteri, sequestrano 36enne per chiedere riscatto, arrestati due del posto
Dovranno rispondere del reato gravissimo di sequestro di persona a scopo di estorsione, che prevede una pena che va dai 25 ai 30 anni di reclusione

Nelle prime ore della mattina del 17 ottobre, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno portato a termine un'operazione che ha consentito di liberare un 36enne di origini calabresi ma residente a Firenze, informatico, vittima di sequestro di persona a scopo di estorsione da parte di due italiani, un 29 enne ed un 27enne, entrambi residenti a Cerveteri, tratti in arresto.

La segnalazione è partita dal fratello del sequestrato, che ha chiamato la Centrale Operativa dell'Arma, riferendo di aver ricevuto dei messaggi whatsapp con delle richieste di aiuto, nelle quali il fratello gli indicava approssimativamente il luogo in cui si trovasse, sito in località Campo di Mare di Cerveteri.

Immediatamente i militari dell'Arma hanno predisposto un dispositivo composto da cinque equipaggi, coordinato dal Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando di Via A. da Sangallo, che in brevissimo tempo ha consentito di rintracciare l'abitazione e di irrompere all'interno, constatando la presenza dei tre soggetti.

I primi accertamenti hanno immediatamente consentito di accertare la veridicità della segnalazione, e del reato gravissimo che si stava consumando. Emblematica la circostanza evidenziata dal fatto che l'abitazione presentava due letti posti dinanzi l'ingresso, occupati dai due sequestratori, e posizionati in modo tale da impedire l'eventuale fuga di notte dell'uomo, che non avrebbe avuto altre vie di uscita.

Alla vista dei militari, il 36enne sequestrato è scoppiato in lacrime, ed ha riferito quanto accaduto nel corso dei tre giorni precedenti, trascorsi in una condizione di prigionia. Il sequestro è avvenuto nel corso della mattinata di lunedì, quando i due uomini, pluripregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio, ed in materia di stupefacenti, hanno prima contattato telefonicamente il 36enne, persona conosciuta nel corso dei mesi precedenti, e subito dopo si sono presentati nella sua abitazione di Firenze, nella quale entravano manomettendo la serratura del portone, costringendolo a seguirli sotto la minaccia di una pistola.

Fatto salire a bordo di un'autovettura di grossa cilindrata, i due sequestratori conducevano l'uomo nell'abitazione di Campo di Mare, presa all'occorrenza in affitto tramite un sito di annunci on line. 

All'interno dell'appartamento il 36enne sarebbe stato prima picchiato, e poi privato di qualsiasi mezzo di comunicazione, tenuto sotto controllo a vista dai due sequestratori. Le indagini poste in essere dai militari dell'Arma hanno consentito di ricondurre i motivi del sequestro ad un debito di svariate migliaia di euro derivante da un'attività di frode informatica che i due sequestratori ed il sequestrato avrebbero tentato di porre in essere nei mesi precedenti, mediante l'utilizzo di password finalizzate all'accesso a sistemi in grado di manomettere slot machine, avvalendosi delle competenze informatiche del 36enne, che ha a suo carico precedenti penali per attività di hackeraggio.

L'uomo, malnutrito ed in condizioni igienico-sanitarie precarie, nel corso della terza notte di sequestro è riuscito ad approfittare di un attimo di distrazione dei sequestratori, impossessandosi per pochi secondi del proprio telefono cellulare, dal quale ha inviato i messaggi di aiuto al fratello.

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate all'individuazione di eventuali complici dei sequestratori. Già denunciato per il concorso nel reato di sequestro di persona a scopo di estorsione un 37enne di origini siciliane, proprietario dell'autovettura con la quale il sequestrato è stato condotto a Campo di Mare.

I due arrestati sono stati condotti presso il carcere di Civitavecchia, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Dovranno rispondere del reato gravissimo di sequestro di persona a scopo di estorsione, ai sensi dell'art. 630 del codice penale, che prevede una pena che va dai 25 ai 30 anni di reclusione. (Comunicati/ Dire)


ARTICOLI CORRELATI
Succede alla scuola Mazzini di Roma. La nostra risposta ai genitori
Durante la lite un imbianchino è stato sequestrato e tenuto come ostaggio sotto minaccia in attesa del denaro
Arrestato cittadino tunisino con accusa di violenza sessuale e sequestro di persona ai danni di una minore
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
UNA CAMPAGNA SOLIDALE MA ANCHE DI PREVENZIONE Ostia, vaccini antinfluenzali gratuiti per i senzatetto
L'iniziativa di "Medici senza fissa dimora" in collaborazione con la Asl Roma 3 offre vaccinazioni gratuite ai clochard
Data di pubblicazione: 2019-11-15 09:07:19
2
Fabio Sanfilippo scrisse su Facebook un'invettiva contro le politiche del leader del Carroccio. Ora è arrivata la sospensione ma non finisci qui
Data di pubblicazione: 2019-11-15 06:22:06
1
Il toccante messaggio d'addio che il figlio dell'operaio morto nella discarica in seguito ad un incidente con un automezzo, affida al suo profilo Facebook
Data di pubblicazione: 2019-11-10 20:39:48
2
A causa delle avverse condizioni meteo, sono stati molti gli interventi della Protezione Civile nella zona dei Castelli Romani. Interessati dalla tromba d'aria anche Velletri, Albano e Lanuvio
Data di pubblicazione: 2019-11-12 21:15:38
3
Sul posto immediatamente due squadre  dei vigili del fuoco di Roma con supporto.del nucleo NBCR, per i controlli necessari
Data di pubblicazione: 2019-11-11 18:17:16
4
In questo terribile omicidio anche la fidanzata e gli amici più vicini a Luca non raccontano ciò che sanno, ostacolando la verità
Data di pubblicazione: 2019-11-12 12:55:35
5
L'AZIENDA DI TELEVENDITA DI PREZIOSI LICENZIA I SUOI DIPENDENTI ROMANI Roma, presidio fisso contro la Juwelo, famosa società di televendita di gioielli
La ditta di televendita di gioielli licenzia i suoi dipendenti bloccando all'improvviso il badge elettronico
Data di pubblicazione: 2019-11-14 14:22:53
1
Nella tarda mattinata di sabato 9 Novembre sono stati chiamati i soccorsi per un incidente a un operatore della discarica di rifiuti
Data di pubblicazione: 2019-11-09 12:31:31
2
L'epicentro a sud est di Balsorano in provincia dell'Aquila. Traffico ferroviario sulla linea Roma- Cassino sospeso per accertamenti. Scuole chiuse nel frusinate
Data di pubblicazione: 2019-11-07 18:43:15
3
Il toccante messaggio d'addio che il figlio dell'operaio morto nella discarica in seguito ad un incidente con un automezzo, affida al suo profilo Facebook
Data di pubblicazione: 2019-11-10 20:39:48
4
Programmata una manifestazione per Giovedì 7 Novembre alle 18 al teatro "Le Sedie" di Labaro per far sentire la voce dei Comuni interessati e di tutti i passeggeri
Data di pubblicazione: 2019-11-03 22:06:09
5
A causa delle avverse condizioni meteo, sono stati molti gli interventi della Protezione Civile nella zona dei Castelli Romani. Interessati dalla tromba d'aria anche Velletri, Albano e Lanuvio
Data di pubblicazione: 2019-11-12 21:15:38
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]