Mercoledì 11 Dicembre 2019 ore 01:41
NOVITA' PER LA SANITA' NEL LAZIO
Regione Lazio, la rivoluzione dei codici numerici negli ospedali
Il Lazio sarà la prima regione d’Italia ad adottare codici numerici e non a colore nelle strutture ospedaliere

La Regione Lazio, all’inizio del prossimo anno, adotterà un nuovo sistema di triage in ospedale passando dai codici a colore ai codici numerici. Verranno inoltre rimodulati i tempi massimi di attesa in ospedale.

Ad annunciare la novità è stato Alessio D’Amato, Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-Sanitaria, durante un convegno dove erano presenti anche i responsabili dei professionisti che lavorano nei Pronto Soccorso della Regione.

La Regione si prepara quindi a dire addio ai consueti 4 codici a colore (Rosso, Giallo, Verde e Bianco) per fare spazio al nuovo sistema a 5 codici numerici: il codice 1 corrisponde all’emergenza, il 2 all’urgenza, il 3 all’urgenza differibile, il 4 all’urgenza minore e il 5 alla non urgenza.

L’assegnazione del codice numerico deriva dalla definizione clinica del paziente e dei parametri vitali. Lo scopo di questa iniziativa è cercare di ridurre drasticamente il sovraffollamento delle strutture ospedaliere e i lunghi tempi di attesa per i pazienti.

L’Assessore D’Amato ha inoltre affermato che, grazie a un bilancio economico positivo di 6 milioni di euro, i soldi in attivo sono stati investiti nella rete dell’emergenza sanitaria.

I primi ospedali che sperimenteranno il nuovo sistema di triage a partire da Gennaio 2020 saranno quelli dell’Asl Roma 1 cioè il Santo Spirito, il San Filippo Neri e l’Oftalmico con il suo pronto soccorso specialistico. A fine Gennaio 2020 lo stesso sistema entrerà in vigore anche al Policlinico Gemelli e in seguito nel resto degli ospedali del Lazio.

 

Leggi anche:

La Regione Lazio e Nicola Zingaretti ci promettono più "Ossigeno"

Via le bottiglie di plastica. Nelle scuole arrivano le borracce in alluminio


ARTICOLI CORRELATI
Riunione con direttori generali e sanitari Asl per superare criticità nel sistema dell'emergenza
L’azienda continua ad attivare ambulanze a “spot”, assai più costose di un appalto normale. E da giugno altre 17 postazioni saranno gestite “esclusivamente da personale volontario”. I lavoratori: "L'Ares ha le idee confuse".
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Da ministro ha lavorato per meno di 36 giorni. Gli altri 14 mesi li ha impiegati girando l'Italia per scattare foto"
Data di pubblicazione: 2019-12-07 21:40:41
2
La presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni supera Matteo Salvini nell'indice di gradimento degli italiani
Data di pubblicazione: 2019-12-01 16:48:55
3
Questa sera Luciano Casamonica apparirà in tv. I Casamonica stanno chiedendo a Virginia Raggi di essere risarciti per l'abbattimento delle ville abusive in cui vivevano
Data di pubblicazione: 2019-12-03 20:10:07
4
"Una nuova discarica di rifiuti come Roma ha conosciuto nel passato non ci sarà mai più e creare inutilmente allarme è segno di grave irresponsabilità"
Data di pubblicazione: 2019-12-01 22:06:50
5
Il "Piano sanpietrini, il primo progetto per la cura della pavimentazione storica di Roma"
Data di pubblicazione: 2019-12-03 20:29:37
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]