Domenica 15 Dicembre 2019 ore 06:01
L'ESPLOSIONE ALLA CASCINA
Alessandria, novità sull'esplosione, fermato il presunto responsabile
Fermato Giovanni Vincenti, accusato della terribile esplosione per disastro doloso, omicidio e lesione volontarie. Dietro la tragedia, tentata frode all'assicurazione

Fermato la scorsa notte Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina ad Alessandria, l'uomo è ritenuto colpevole della tragica esplosione che ha causato la morte dei tre vigili del fuoco a Quargnento. Una tentata frode all'assicurazione e i forti debiti per Vincenti e per la moglie, sembrerebbe essere  la motivazione dietro la tragica esplosione. A rendere nota la notizia il procuratore di Alessandria Enrico Cieri, nel corso di una conferenza stampa.L'uomo ha confessato di essere il colpevole, negando l'intenzione di voler uccidere. Indagata anche la moglie di Vincenti ancora a piede libero, a renderlo noto è stato il procuratore di Alessandria. "Dovete beccarli, dovete far di tutto per beccarli", questo è il drammatico appello che i parenti delle tre vittime dell'esplosione, Antonino, Marco e Matteo hanno rivolto al presidente del Consiglio e i loro familiari hanno finalmente ricevuto risposta.

Le operazioni giudiziarie 

Vincenti  è ritenuto il principale responsabile del disastro doloso, con l'accusa di omicidio e lesioni volontarie per l'esplosione del cascinale nella notte tra il 4 e il 5 novembre; le indagini hanno portato  i primi risultati grazie all'impegno e alle attività svolte dai carabinieri. "Non ho informazioni da dare, gli inquirenti stanno facendo accertamenti" ha affermato al telefono. il figlio del colpevole, Stefano Vincenti. Ho assistito all'interrogatorio non posso dire nulla, avrete delle dichiarazioni ufficiali " ad affermarlo è stata Laura Mazzolini, avvocato dell'accusato,che si rifiuta di rilasciare informazioni. La notizia del fermo della polizia giudiziaria nei confronti di Vincenti arriva alle 2.29 con un comunicato che spiega i dettagli dell'operazione.

Leggi anche: 

Roma, esplosione Acilia: Debora e Aurora non ce l’hanno fatta

Terremoti e scuole chiuse: basterebbe fare prevenzione, dice Mario Tozzi

 

 

 


ARTICOLI CORRELATI
Il treno, partito da Piramide e diretto a Ostia, si è fermato tra Tor di Valle e Vitinia
Giovannina Serra nega ogni accusa ma la sua posizione si fa sempre più grave
Forte esplosione a Quargnento, caduto un edificio, nella drammatica vicenda morti tre vigili del fuoco, dalle indagini successive si avanza ora l'ipotesi di dolo
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per estrarre la donna dall'abitacolo rimasta ferita
Data di pubblicazione: 2019-12-13 19:41:59
3
Un uomo di nazionalità italiana conservava beni archeologici antichissimi, la custodia al museo di Colleferro
Data di pubblicazione: 2019-12-12 08:30:00
4
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
5
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]