Domenica 15 Dicembre 2019 ore 05:53
STESSA DINAMICA LUNEDì A MILANO
Fiumicino, spray al peperoncino al liceo Baffi, malori e paura
Gli spray per la difesa personale possono diventare un pericolo nei luoghi affollati e per malati di asma

Questa mattina al liceo Baffi di Fiumicino, non è stato un martedì qualunque. L'utilizzo di uno spray al peperoncino ha innsecato una serie di realizioni di malessere fisico e panico nella scuola. Molti ragazzi hanno accusato vomito e sangue dal naso, una professoressa è stata portata al Pronto Soccorso Grassi di Ostia. 

I carabinieri e le ambulanze sono giunti tempestivamente sul posto e hanno eseguito sopralluoghi per capire da dove abbia avuto origine il caos, interrogando anche i ragazzi; dalle loro testimonianze sembra che lo spruzzo sia partito da una classe provocando una nube tossica. Una professoressa ha aperto la finestra dell'aula ma non è bastato a scongiurare malori. 

Il Comunicato dell'Istitituto Baffi

Il comunicato rilaciato dal liceo firmata dal dirigente scolastico Monica Bernard, afferma che il fatto avvenuto è molto serio e verranno presi severi provvidimenti verso il responsabile. Rassicura però che il fatto non incide sul clima di solidarietà della scuola e che le lezioni stanno iniziando a riprendere regolarmente. 

Altri casi di utilizzo pericoloso

Proprio lunedì 18 novembre scorso, a Milano, una "bravata" simile aveva creato gravi danni in una scuola media, con una ragazzina asmatica che è stata trasportata al pronto soccorso in codice giallo. 

Ci si domanda ora come regolare l'utilizzo di questi strumenti di difesa personale, che possono diventare davvero pericolosi in situazini dove c'è folla e soggetti la cui salute e le condizioni respiratorie sono fragili. 

Cosa dice la legge

In Italia lo spray urticante è in vendita liberamente e si può trovare in internet e negosi specializzzati, ma dal 2011 perfino in alcuni supermercati e farmacie. L'oggetto è nato per dare una possibilità di scampo alle donne quando subiscono tentativi di stupro o aggressione, e ricordiamo che a Milano una ragazza di 25 anni è riuscita a scappare da un uomo che l'aveva molestata alla stazione Garibaldi. 

La sostanza che rende terribilmente doloroso e insopportabile il liquido vaporizzato è la capsaicina, un composto di laboratorio che causa lacrimazione e difficoltà respiratorie già solo arrivando alle vie aeree. Si trova già allo stato naturale nel peperoncino che si utilizza in ambito culinario. 

Insomma l'insicurezza costante in cui vivono le donne, ha portato all'ideazione di questi congegni, i quali però posono avere effetti molto gravi se utilizzati in modo sconsiderato o se giungono al naso di persone con una salute precaria. 

Leggi anche: 

Indagine Sanità Lazio, spunta nome consigliere regionale M5S

Maltempo nel Lazio e in Italia: i vigili del fuoco soccorrono ma sono pochi


ARTICOLI CORRELATI
Una donna, una persona libera con diritti e doveri, un uomo , una persona libera con diritti e doveri
Ennesimo dramma tra le mura domestiche per una famiglia giorgiana che vive a Tivoli Terme
Lui 56 anni, romano, lei 45, polacca. L'ha aggredita con estrema violenza, colpendola davanti ai loro due figli
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per estrarre la donna dall'abitacolo rimasta ferita
Data di pubblicazione: 2019-12-13 19:41:59
3
Un uomo di nazionalità italiana conservava beni archeologici antichissimi, la custodia al museo di Colleferro
Data di pubblicazione: 2019-12-12 08:30:00
4
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
5
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]