Domenica 16 Febbraio 2020 ore 19:47
NON AVEVANO CHIESTO AIUTO
Dramma Labico, famiglia uccisa da monossido: parla il sindaco Danilo Giovannoli
Il sindaco: "Abitavano in una zona residenziale, non si erano mai rivolti agli assistenti sociali"

Danilo Giovannoli, sindaco di Labico in provincia di Roma, luogo di una terribile tragedia in cui ha perso la vita un'intera famiglia composta da madre, padre e figlia a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un secchio usato come bracere per scaldarsi, ci racconta qualcosa di questa situazione difficile di questa famiglia, che purtoppo non aveva mai chiesto aiuto agli assistenti sociali. I coniugi provenivano dalla Nigeria, e avevano 38 e 26 anni, e solo due mesi la bimba. Alla straziante scoperta di ieri, le forze dell'ordine e i medici li hanno trovati abbracciati nel letto matrimoniale, dopo circa dieci giorni dal decesso. 

 

Ieri ha fatto sospendere i festeggiamenti comunali di Natale in segno di lutto e rispetto per l'accaduto, lei conosceva la famiglia?

“Si, ho interrotto i mercatini delle feste perché mi sembrava un atto dovuto. Non la conoscevo personalmente, ma posso comunicare il dolore del paese e tutto il mio cordoglio e dispiacere. La prima cosa che ho fatto è stata contattare l'ufficio dei servizi sociali per sapere se avessero ricevuto segnalazioni riguardo a questa famiglia. I coniugi con la bimba abitavano in una zona residenziale e non disagiata che è quella di Santa Maria, e non aveva mai fatto richiesta di aiuto ai servizi sociali, perciò non avendo ricevuto segnalazioni né dalla famiglia stessa né dai vicini, non era possibile per i servizi preposti sapere se queste persone avessero bisogno di aiuto ed eventualmente intervenire per aiutarle”.

 

La tragedia di ieri ci racconta anche di una realtà sociale ed economica difficile, qual è la situazione con l'immigrazione a Labico?

“Non abbiamo mai avuto casi e disgrazie di questo tipo e inoltre ribadisco che Labico è un comune accogliente che ha a cuore l'integrazione, ci sono diverse famiglie straniere e noi teniamo che si trovino bene nel nostro paese. Ci sono delle indagini in corso per comprendere i particolari della dinamica e sapere se queste persone lavoravano o meno. Sappiamo che vivevano in Italia da agosto con regolare permesso di soggiorno e regolare residenza ottenuta dal comune di Labico intorno alla metà di agosto 2019. Purtroppo dunque, nulla che potesse far sospettare una condizione di povertà o esclusione, e quindi la possibilità di venir loro in soccorso”.

 

Leggi anche:

Labico, famiglia trovata morta in casa: deceduta anche una bimba di pochi mesi

Legambiente premia Terracina ma nel Lazio i rifiuti complessivi aumentano


ARTICOLI CORRELATI
Il piano interrato di 5 villini, costruiti a ridosso del ponte dell'alta velocità, è stato completamente sommerso dall'acqua e dal fango sgorgato all'improvviso dallo scolo del ponte e dalla valle adiacente
Lo chef Colonna festeggiato dall'amministrazione e dai concittadini a 30 anni dall'apertura della "Porta Rossa", simbolo del suo ristorante
Il sindaco di Labico si è scusato per non aver firmato un'ordinanza volta ad aprire il cimitero durante la festa del papà
I PIU' LETTI IN INTERVISTE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Abbiamo chiesto al presidente Aci Angelo Sticchi Damiani un commento ufficiale sule nuove norme al volante
Data di pubblicazione: 2020-02-01 16:33:12
2
Il sindaco di Ciampino rivendica la scelta di Pietro Cappellari, immortalato in atteggiamenti del regime fascista
Data di pubblicazione: 2020-02-07 08:51:07
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]