Lunedì 20 Gennaio 2020 ore 16:13
"BERGOGLIO LA PERSONA PIù A SINISTRA DEL MOMENTO"
Il giornalista Stefano Disegni col suo brano 'Natale sleale' tra auguri...e muri
Il giornalista e disegnatore scrive un pezzo sulle contraddizioni di un Natale in cui dimentichiamo l'accoglienza

Stefano Disegni, giornalista, disegnatore, vignettista ma anche musicista e cantante, tra gli autori di 'Crozza Italia', collabora con molte testate giornalistiche, ogni settimana sul Corriere Della Sera si occupa dell'inserto “Sette” e la domenica su Il fatto Quotidiano. In questo momento il suo brano 'Natale sleale' ci mostra i contrasti e l'ipocrisia dei nostri presepi e delle nostre buone intenzioni mentre ci sono persone che lasciamo morire in mare.

 

“Senza nulla togliere al passare il Natale con i propri familiari e non familiari, è proprio questo che trovo stridente. Tutta questa festività è bella e preziosa, però sembra dimenticare quelli che il Natale non lo festeggiano; c'è un egoismo dilagante, suffragato anche da certe posizioni e leader politici che ne fanno una bandiera, incitando a chiudere porte e alzare muri per non ascoltare le richieste di aiuto. L'esatto contrario dello spirito natalizio che è quello dell'accoglienza, del soccorso, del capire la situazione in cui si trova l'altro. Attorno alla capanna di Cristo c'erano i pastori non i possidenti. Il messaggio umano per chi non crede, cristiano per chi crede credo sia siamo tutti su una palletta sperduta nell'universo, abbracciamoci ma non solo per gli spot televisivi. E in una veste ironica è lo spirito del video che abbiamo messo in piedi”.

 

Ci racconta qualcosa su questo pezzo, come è nata l'idea, chi lo ha composto...

“Il brano è stato scritto con un gruppo nato nel 1996, gli 'Ultracorpi' e la musica è stata scritta da Vito Abbonato e Andrea Ridolfi. La musica c'era già quindi, mentre le parole le ho scritte di recente. Infatti da alcuni anni ronzavo intorno a questa melodia e quest'anno finalmente ho scritto questo testo. Anche perché la situazione politica e sociale è cambiata, l'intolleranza diffusa ci ha spinti a dire che a noi non piace questo clima. L'ho proposta agli altri e in due giorni e mezzo abbiamo registrato e mixato il pezzo...ho poi coinvolto tecnici e operatori del cinema che non hanno chiesto denaro, ma lo hanno fatto per passione. Italo Pesce Delfino un valentissimo direttore della fotografia e regista, Margaret Bacher che ha allestito la scenografia, Luciano Del Castillo il fotografo di scena, mio figlio Lorenzo, i suoi amico Lorenzo Capparucci e Filippo Ricci, l'attore di teatro Ermanno De Biagi nei panni di Babbo Natale, Lorenzo Consoli il montatore. Ci siamo divertiti e spero che il nostro messaggio sia arrivato!”.

 

Nel brano dice 'Un Natale molto strano, un Gesù solo italiano” dimenticandoci che Gesù era palestinese e che il cristianesimo è un messaggio universale. Al di là della fede personale, anche Papa Francesco ci dice che l'atteggiamento dei muri è incompatibile con l'interiorità evangelica.

“La contraddizione è proprio questa: soccorri i poveri e gli ultimi è il cuore della cristianità. E il centro di un'azione umana ragionevole e responsabile. Altrimenti è un Natale sleale come dice la canzone. Ci sono finti cristiani stigmatizzati dal Papa stesso a cui ha detto che se venire in chiesa è un vanto ma poi si torna a casa e ci si dimentica degli altri, meglio gli atei. Che è un messaggio clamoroso detto dal Papa. Ma ci sono anche missionari che portano cibo, lavoro e aiuto in paesi dove c'è miseria...

Mi sento di dire che oggi una delle persone più a sinistra che vedo è proprio Papa Francesco, lui fa il mestiere del cristiano con la C maiuscola! La vera sinistra secondo me è un messaggio in qualche modo cristiano, eticamente cristiano, senza credere in un'entità superiore...io mi definisco agnostico, mi stupisco di fronte al mondo e magari prima o poi capirò qualcosa”.

Musicisti e troupe del video al lavoro, scatto del fotografo Luciano del Castillo

 

Il set del video "Natale sleale", scatto del fotografo di Luciano Del Castillo

 

Una pillola di geopolitica: oltre alla questione dei porti accoglienti o respingenti bisogna dire che queste persone si muovono verso l'Europa perché anche noi contribuiamo a depredare i loro paesi di origine e a fomentare le guerre civili nei loro paesi. Il porto è solo l'ultimo approdo.

“Sì, l'Africa è stata spogliata per secoli dalle nazioni europee a vantaggio delle nostre economie. Adesso si trovano in condizioni di povertà estrema e sarebbe auspicabile almeno ricordarci di questo debito storico ed economico. Ci sono poi condizioni di invivibilità dovute ormai anche la clima e al riscaldamento globale. In ogni caso sotto i conflitti c'è sempre il denaro, se si gratta sotto le ideologie ci sono corruzione e interesse. Così anche per i governi dei luoghi da dove provengono queste persone. La complessa torta da dividere è fatta di soldi, che poi viene anche mascherata da guerre di religione...il risultato è che un'ondata epocale di popolazioni fugge e io credo che nessuno dovrebbe ignorare questo. Il fatto oggettivo che in una massa di persone in fuga ci siano anche delinquenti, o disposti a delinquere, non è un alibi per lasciar morire tutti in mare. Probabilmente è un compito dell'intelligence distinguerli e sono favorevole a respingere coloro che compiono reati. Il rispetto delle regole è in piena coerenza con l'accoglienza, e difendo entrambe le cose, il rigore come il soccorso”.

 

 

Il filosofo Massimo Recalcati distingue tra muri e confini, e non è solo un vezzo linguistico: i confini sono ponti che garantiscono un'identità ma che possono essere attraversati perché sono porosi, mentre i muri sono degenerazioni dei confini, rotture di rapporti, interruzioni dell'osmosi che c'è tra culture e persone.

“Credo che abbia ragione Recalcati. Non si sta spingendo per il prevalere di una cultura su un'altra, ogni cultura insegna una sua dote alle altre e possiede delle specificità e una ricchezza irripetibile. L'identità culturale va preservata, ma non spaventando e mettendo le persone contro le altre tradizioni. La ricchezza proviene sempre dal confronto, perché ogni popolo ha qualcosa da suggerire. Il più grande e potente esempio di civiltà mista sono gli Stati Uniti, fatti da cinesi, finlandesi, polacchi, italiani, spagnoli, irlandesi...l'integrazione è un punto di forza”.

 

Il link alla canzone “Natale sleale

 

Leggi anche:

Omicidio Luca Sacchi: Anastasia era con Princi la notte prima dell'assassinio

Dove andare a Roma e nel Lazio nel weekend del 20, 21 e 22 Dicembre

 


ARTICOLI CORRELATI
A Casalbertone denunciato titolare di una pizzeria per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, al Pigneto sanzionato titolare di una trattoria per scarse condizioni igieniche del locale
La struttura accoglieva immigrati minorenni, che vivevano tra gli escrementi di topi e in condizioni sanitarie precarie
Un gruppo di persone su un bus diretto a Torino ha approfittato di una sosta sull'A1 per dileguarsi
I PIU' LETTI IN INTERVISTE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L'infortunio del centrocampista della Roma mette a rischio la sua partecipazione agli Europei 2020
Data di pubblicazione: 2020-01-13 12:33:23
2
Una completa e precisa analisi del consulente di difesa della famiglia del maresciallo Mottola, indagata per l'omicidio Mollicone
Data di pubblicazione: 2020-01-16 10:40:55
3
"ROMANI STUPITI DAL RISPETTO AMBIENTALE, NON DALLE AUTO IN DOPPPIA FILA" Roma, blocco auto, comandante Vigili:"Facciamo rispettare il provvedimento"
Il comandante dei Vigili Antonio Di Maggio ci racconta la situazione nella Capitale: senza auto e piena di polemiche
Data di pubblicazione: 2020-01-16 09:08:41
4
"In aumento le patologie psichiatriche e l'autolesionismo tra i giovani, occorre tempo di qualità alla famiglia"
Data di pubblicazione: 2020-01-17 10:49:42
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA
4
DOMENICA 17 - PALAZZO DORIA PAMPHILJ
5
IL SINDACO SANNA: "COLLEFERRO DIFFERENZIA AL 70%, ROMA AL 46%"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]