Martedì 25 Febbraio 2020 ore 00:31
SMALTIMENTO RIFIUTI
Paliano, Colleferro e Valle Galeria: "I territori laziali non gettano la spugna"
Riceviamo e Pubblichiamo da Comitato Valle Galeria Libera e Comitato residenti Paliano Colleferro

La protesta rovente dei territori laziali sui quali sversare i rifiuti corre da nord a sud del Lazio, da mesi tenuti in stato di allarme dagli organi politici della Regione Lazio e del Comune di Roma, uno contro l’altro in un simulato scontro di logoramento. La tensione è salita a fine anno e coinvolge migliaia di cittadini a seguito dell’intesa politico-istituzionale tra la Pisana e il Campidoglio, che si è chiusa sull’individuazione di una nuova discarica permanente per la Capitale nel proprio ambito territoriale a chiusura del ciclo dei rifiuti.

L’intesa, frutto di un tormentato compromesso, ha visto la pressione della Regione Lazio sul Comune di Roma e quest’ultimo rinviare ad oltranza le sue decisioni.In un contesto sempre in continua evoluzione si assume per certa la data del 16 gennaio, termine ultimo per i conferimenti presso la discarica di colle Fagiolara, nel Comune di Colleferro, in provincia di Roma, dove finora sono stati sversati tonnellate di rifiuti, tra i quali quelli prodotti da Roma e provincia. I territori sono tornati a parlarsi, anche quelli più distanti, e hanno fatto muro contro il tentativo di metterli in lotta tra loro, respingendo la manovra. In anni di esperienze sul campo sono maturate nuove consapevolezze, si è consolidata la capacità di resistere e di fare rete.

Nascono da questo patrimonio di battaglie le manifestazioni di dissenso che proseguono in questo inizio d’anno e che vedono idealmente unite Sabato 11 gennaio 2020, la valle Galeria e la valle del Sacco.  Nella stessa mattina, a Colleferro e a Roma, sono state indette due manifestazioni: unire la battaglia di due territori tra i più devastati per essere più forti e compatti nel far sentire la voce dei cittadini, una protesta che ha come radice comune il piano rifiuti regionale.

Dopo 8 anni la situazione è peggiorata di molto! La produzione dei rifiuti aumenta di ora in ora e la sola risposta che viene dalla politica è quella di confermare lo stesso stato di cose, fatto di scelte affrettate, scellerate, senza i necessari approfondimenti, e segnate dalla stessa matrice: sacrificare la salute pubblica!

Sabato 11 gennaio Cittadini e Comitati scendono in strada per difendere il proprio territorio, la salute di tutti e di chi verrà dopo di loro, per denunciare l’ennesimo sopruso della politica che un giorno promette e l’altro rinnega. L’adesione, l’appoggio e la solidarietà ai residenti in lotta arrivano da tutta la Regione! Oggi finalmente si conosce il motivo per il quale la valle del Sacco e la valle Galeria non sono state bonificate, risanate e tutelate: per essere di nuovo scelte come siti per lo smaltimento dei rifiuti! Il criterio preferenziale del piano rifiuti per la localizzazione di nuovi impianti è, guarda caso, la sussistenza di un’area di bonificare e quindi già compromessa dal punto di vista sanitario-ambientale. Chi muore deve continuare a morire! La presenza, nella stessa area, di impianti esistenti doveva essere invece motivo escludente per non autorizzare altri impianti inquinanti e per avviare la riqualificazione. Ma così non è!

L’accordo stretto con la Regione e il Comune di Roma non ha nulla di virtuoso. Si è rivelato un cavallo di Troia e ha portato a individuare in monte Carnevale, nella valle Galeria, devastata da un pesantissimo inquinamento ambientale di varia natura, a cominciare dalla famigerata Malagrotta, la nuova discarica definitiva di Roma Capitale, ancora prima dell’approvazione del piano rifiuti regionale.

Mentre nella valle Galeria si sta decidendo di aprire la nuova discarica di Roma, nella valle del Sacco si promette di chiudere colle Fagiolara, che è stata finora la discarica di Roma e provincia. Sarebbe una buona notizia, ma si temono “furbate” da parte delle Amministrazioni pubbliche, che finora non hanno compiuto un solo passaggio amministrativo in Giunta regionale e in Conferenza di servizi. Perché il disegno del piano rifiuti regionale è quello di trasformare Colleferro nel polo regionale della monnezza, con l’apertura di un mega impianto per il trattamento dei rifiuti!

I cittadini non hanno gettato la spugna e rivolgono un appello alla partecipazione Sabato 11 gennaio affinchè il destino dei territori sia deciso ascoltando la loro voce!

*Comitato Valle Galeria Libera

*Comitato residenti Paliano Colleferro


ARTICOLI CORRELATI
Nella tarda mattinata di sabato 9 Novembre sono stati chiamati i soccorsi per un incidente a un operatore della discarica di rifiuti
E' bruciato ieri l'ex capannone della Snia in zona Castellaccio tra Anagni e Colleferro
Nella riunione di ieri all'assessorato regionale ai Rifiuti è stato proposto di inviare rifiuti a trattamento ad Aprilia
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Indicazioni e divieti per difendersi dal Coronavirus, il pericolo pubblico numero uno in questo momento
Data di pubblicazione: 2020-02-23 10:25:41
1
La mozione approvata è frutto di una sintesi tra 3 mozioni presentate da Fabrizio Ghera (Fdi), Marco Vincenzi (Pd) e Marco Cacciatore (M5s)
Data di pubblicazione: 2020-02-06 16:53:07
2
Il sindaco di Cisterna: “Occorre accelerare su questo tema; il territorio non può aspettare altri 10 anni"
Data di pubblicazione: 2020-02-05 15:19:04
3
"Indicazioni per la gestione degli studenti e dei docenti di ritorno o in partenza verso aree affette della Cina"
Data di pubblicazione: 2020-02-02 08:02:06
4
Il 29 marzo gli italiano saranno chiamati a votare per tagliare i parlamentari, senatori e deputati
Data di pubblicazione: 2020-02-18 13:53:40
5
Indicazioni e divieti per difendersi dal Coronavirus, il pericolo pubblico numero uno in questo momento
Data di pubblicazione: 2020-02-23 10:25:41
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]