Venerdì 10 Aprile 2020 ore 02:08
TELEMARKETING AGLI SGOCCIOLI?
Telefonate indesiderate? Presto restrizioni a tutela della privacy degli utenti
Il Consiglio dei Ministri sta valutando un provvedimento volto ad arginare il fenomeno delle telefonate pubblicitarie

Le statistiche dicono che riceviamo una chiamata indesiderata in media ogni tre giorni, in una classifica europea del disturbo, siamo secondi per questo tipo di scocciatura, dietro il Regno Unito. 

Il telemarketing, cioè l'utilizzo dei numeri di telefono cellulare personali degli utenti come bacino commerciale in cui proporre offerte e servizi a pagamento, però, non è solo una seccatura, ma una seria mancanza della garanzia della privacy degli utenti, e per questo potrebbe essere agli sgoccioli. 

Il Consiglio dei Ministri sta valutando un progetto finalizzato ad arginare queste chiamate moleste attraverso un provvedimento che punta a potenziare il Registro pubblico delle opposizioni, cioè di quel fascicolo a cui possono iscriversi tutti gli utenti che non vogliono più ricevere chiamate pubblicitarie. Il percorso di questa legge potrebbe essere lungo perché dovrà mettere d'accordo tre attori che chiama in causa: il Governo, gli operatori telefonici e le associazioni a tutela dei consumatori. La lista, attualmente aperta solo ai numeri fissi, verrà progressivamnente estesa ai numeri di telefono mobili. Iscriversi dovrebbe invece essere una pratica piuttosto semplice, per mezzo del sito web gestore del servizio o chiamando dalla linea telefonica su cui si vuole attivare il blocco. 

I call center, in questo contesto, sono il vero osso duro: essi ottengono le nostre informazioni private in maniera non consentita, acquisendoli da altre società, e per fini diversi da quelli per i quali il privato aveva dato il suo consenso 

I tempi di cui si vocifera sono per ora, rientrano nel dicembre 2020, dunque prepariamoci a ricevere chiamate indesiderate ancora per un anno...

 

Leggi anche: 

Chiesa 2020: dopo le dimissioni potrebbe arrivare l'esonero papale

Pensioni di reversibilità: il patronato Labor fa chiarezza


ARTICOLI CORRELATI
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
39 a Roma, 40 a Frosinone, 21 a Viterbo, 47 a Rieti e 9 a Latina
Data di pubblicazione: 2020-04-06 14:25:40
2
Il Campidoglio sta elaborando un piano per la convivenza con il Sars-coV-2 nella Capitale
Data di pubblicazione: 2020-04-06 08:39:46
3
Saranno intensificati i controlli per evitare che la tentazione di alcuni di raggiungere i propri cari rischi di vanificare i sacrifici fatti finora
Data di pubblicazione: 2020-04-08 09:55:19
4
"È una notizia straziante, quella ricevuta sul decesso del collega di Rocca Cencia, il Coa risultato per primo contagiato in Ama"
Data di pubblicazione: 2020-04-09 13:45:12
5
La vittima aveva 60 anni; ancora da chiarire le cause rogo
Data di pubblicazione: 2020-04-05 11:31:48
1
39 a Roma, 40 a Frosinone, 21 a Viterbo, 47 a Rieti e 9 a Latina
Data di pubblicazione: 2020-04-06 14:25:40
2
Il Campidoglio sta elaborando un piano per la convivenza con il Sars-coV-2 nella Capitale
Data di pubblicazione: 2020-04-06 08:39:46
3
La terra ha tremato in un'area piuttosto vasta, da Tivoli e Monterotondo a Guidonia, Mentana, Castel Madama, e ai quartieri nord-est di Roma
Data di pubblicazione: 2020-04-03 07:50:34
4
Saranno intensificati i controlli per evitare che la tentazione di alcuni di raggiungere i propri cari rischi di vanificare i sacrifici fatti finora
Data di pubblicazione: 2020-04-08 09:55:19
5
"È una notizia straziante, quella ricevuta sul decesso del collega di Rocca Cencia, il Coa risultato per primo contagiato in Ama"
Data di pubblicazione: 2020-04-09 13:45:12
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]