Martedì 31 Marzo 2020 ore 00:39
CRONACA FROSINONE
"Il carcere di Frosinone scoppia"
A denunciarlo è il vicepresidente del Consiglio Regionale, Massimiliano Valeriani

“La casa circondariale di Frosinone versa in condizioni di abbandono, incuria e fatiscenza. I detenuti vivono stipati in celle che potrebbero accogliere la metà di loro. E la vigilanza purtroppo scarseggia, sollevando un serio problema di sicurezza”. A parlare è il vice presidente del Consiglio Regionale Massimiliano Valeriani, che ha raccolto l'allarme lanciato dalla Funzione pubblica della Cgil e dal suo rappresentante Stefano Branchi, agente di polizia penitenziaria.
“Nonostante sia stato realizzato negli anni Ottanta, ma entrato in funzione solamente nel 1991, ad oggi il carcere (che ospita oltre 500 persone) presenta sui soffitti macchie di umidità. Non esiste un impianto di areazione. I lavori di ristrutturazione, finanziati con le donazioni, sono stati interrotti a metà per mancanza di ulteriori fondi. Le docce comuni sono di fatto inutilizzabili, con gravi conseguenze per il rispetto delle norme igieniche. E poi soprattutto i detenuti vivono in sei in celle che potrebbero ospitarne due o tre al massimo”.
“Una situazione esplosiva, insomma - spiega Valeriani - dove manca persino lo spazio vitale”.

Inoltre il problema sicurezza: di notte in due bracci del carcere, anziché quattro agenti di polizia penitenziaria, ce n'è uno solo a sorvegliare due zone. “Questa condizione è davvero pericolosa, per i detenuti e per gli stessi agenti penitenziari - conclude il vice presidente Valeriani - a conti fatti mancano circa 70 unità. Per questo rivolgo un appello al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia. Perché intervenga e migliori la vivibilità di un luogo che non dovrebbe essere punitivo ma rieducativo”.
 


ARTICOLI CORRELATI
Nella tarda mattinata di sabato 9 Novembre sono stati chiamati i soccorsi per un incidente a un operatore della discarica di rifiuti
Banche, eutanasia, droghe leggere e carceri: ecco le 5 proposte che si possono firmare in Municipio
Il sindaco di Anzio afferma l'attenzione dell'amministrazione per il patrimonio storico e archeologico ma il servizio di Striscia la Notizia sembra smentirlo in modo pieno
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Denuncia inviata da Usb sul mancato rispetto delle norme emanate dai decreti e dal protocollo sindacati in merito alla salvaguardia della salute dei lavoratori"
Data di pubblicazione: 2020-03-30 12:08:21
2
"A nome di tutta la comunità porgo le mie condoglianze alle famiglie colpite da questo grave lutto"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 15:17:19
3
"L’ordinanza è in vigore dal 30 marzo al 3 aprile e rimarrà in vigore qualora un nuovo DPCM proroghi le attuali regole". Sanzioni per chi viola il provvedimento
Data di pubblicazione: 2020-03-29 17:32:11
4
I militari intervenuti, hanno interrotto il banchetto e invitato i presenti a tornare ognuno nella propria abitazione
Data di pubblicazione: 2020-03-30 11:09:08
5
La denuncia della scomparsa. Dopo una breve ricerca, è stato trovato il corpo esanime dell’uomo
Data di pubblicazione: 2020-03-29 11:21:41
1
Da Sanremo alla Puglia, passando per la Toscana e l’Umbria: in ginocchio il settore florovivaistico
Data di pubblicazione: 2020-03-17 11:21:48
2
Il giovane si era trasferito nella Capitale da tempo, ma era piuttosto conosciuto nel Comune prenestino
Data di pubblicazione: 2020-03-22 12:08:19
3
La struttura sanitaria in via del Mare 69/71, nel pomeriggio di giovedì 5 marzo è stata interdetta al pubblico
Data di pubblicazione: 2020-03-05 16:34:58
4
I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma nelle ultime ore hanno denunciato 15 persone per "inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità"
Data di pubblicazione: 2020-03-11 20:33:45
5
Fermato dai Carabinieri per un normale controllo, si è scoperto essere sottoposto a isolamento domiciliare dal 14 di marzo
Data di pubblicazione: 2020-03-22 13:19:06
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]