Mercoledì 26 Giugno 2019 ore 03:43
CRONACA ROMA
Da Beppe Recchia a Roma entrano gli animali ma non i bambini
Beppe Recchia, ristoratore romano originario di Valmontone non accetta bambini nel suo ristorante
Il ristoratore Beppe Recchia con il cartello anti bambini

Comunque la si veda ci vuole del coraggio a dire pubblicamente che nel proprio ristorante i bambini non siano desiderati. Certo c'è bisogno di un motivo altrimenti risulterebbe difficile da digerire la scritta "Nel mio ristorante: Sì Animali, No Bambini", ma le motivazioni si possono capire.

Troppo spesso i bambini delle ultime generazioni non hanno un'educazione sufficiente per essere presentati in un ristorante, soprattutto se il ristorante è di quelli che richiedono un contegno, che hanno la loro natura nell'atmosfera e nell'ambiente elegante e confidenziale. Molti bambini non riescono a stare seduti a tavola perché non hanno ricevuto nessuna educazione in merito e anche perché non vogliono e non possono stare seduti troppo a lungo.

Sarebbe normale che i genitori ne tenessero conto prima di decidere di andare a cena in un locale inadatto ai loro bambini, ma come si fa a pretendere questo ragionamento da persone che probabilmente si comportano allo stesso modo, senza criterio, anche nel resto della loro giornata?

Beppe Recchia, questo è il nome del singolare ristoratore, valmontonese di origine, titolare di un avviato ristorante nei pressi di via Veneto ha voluto esprimere in modo eclatante con cartelli molto espliciti che denunciano la disponibilità ad accogliere cani e gatti ma non i bambini, la sua insofferenza alle urla e alle corse tra i tavoli di marmocchi selvaggi che disturbano la maggior parte dei clienti che scelgono il suo ristorante anche per la riservatezza.

Ci dice Beppe Recchia: "E' naturale che la responsabilità sia dei genitori ma non posso cacciare via tutti, ho dovuto decidere di far fuori i bambini".


ARTICOLI CORRELATI
I roghi al ristorante "La Bettola" all'Infernetto e "Peppino a Mare" a Ostia sarebbero entrambi di natura dolosa
I fatti erano avvenuti a luglio: rintracciato un 50enne romano che aveva perforato il polmone di un 30enne
Fa ancora parlare di sé il ristoratore valmontonese Beppe Recchia. Vorrebbe che tutti i ristoranti facessero come lui
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
E' stata forte la scossa, avvertita anche nei piano terra delle abitazioni. A Colonna segnalate in alcune case del centro, crepe e distacchi di cornicione
2
La tragedia si è consumata intorno alle 2:00, quando il giovane con altri amici ha raggiunto la stazione
3
Inquinamento e diossina, sono ultra nocivi per la nostra salute ma evidentemente essere abituati a incendi di ogni genere, ci lascia quasi indifferenti
4
Il fatto è avvenuto nella mattinata odierna. Al momento si pensa a un cortocircuito
5
Il conducente del mezzo è stato sottoposto agli accertamenti per capire se avesse assunto alcool o droghe
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]