Mercoledì 19 Giugno 2019 ore 19:52
CRONACA CISTERNA DI LATINA
Don Ciotti a Cisterna: la coscienza usa e getta
Intervento al Comune in vista della giornata della Memoria e dell'Impegno del 22-3 a Latina
"Basta con la coscienza usa e getta, dobbiamo diventare persone più responsabili".

Con queste parole, don Luigi Ciotti, fondatore ed ispiratore dell'associazione "Libera", ha esordito nel suo intervento di ieri pomeriggio nell’ aula consiliare di Cisterna. Due ore per parlare di mafia, di coscienza civile, di memoria e di impegno davanti a centinaia di cisternesi presenti nel palazzo comunale per ascoltare le parole di un eretico, come usa definirsi il sacerdote veneto.

Prima del suo discorso, la proiezione del filmato della festa di "Libera" celebrata nel maggio del 2009 a Piano Rosso, nel campo sottratto alla camorra. Ad introdurlo ci ha pensato Nadia Biscossi, referente di "Libera" a Cisterna.
"Dobbiamo conoscere per diventare persone più responsabili – ha detto don Ciotti -, entrare di persona nel cuore delle cose e fare la nostra parte, prima ancora di chiedere agli altri di fare la loro.
La corruzione è stata definita la peste bianca della nostra società, lo era trenta anni fa e lo è ancora. Ed una società dove c'è corruzione non può essere libera, perché un povero non sarà mai libero, così come non lo saranno mai i disoccupati, gli sfruttati e gli esclusi. Dobbiamo dire no alla corruzione ma non basta la denuncia. La tendenza oggi è quella di travolgere tutto parlando solo di quello che non va bene.
Bisogna anche essere capaci di distinguere per non confondere e non generalizzare. C'è tanta gente che si indigna, eppure anche l'indignazione rischia di diventare una moda.
L'indignazione si cura con la dignità, restituendo dignità alle persone, alla politica. Perché solo unendo le forze, il bisogno di cambiamento diventa forza di cambiamento".

L'incontro di ieri fa parte della serie di dibattiti avviati da tempo da Don Ciotti e "Libera" in vista della 19esima giornata nazionale della "Memoria e dell’Impegno" che quest’anno si terrà a Latina il 22 marzo.
Una scelta, quella di Latina, molto significativa, a sottolineare come il capoluogo pontino ed il territorio circostante siano tristemente assurti all’ attenzione nazionale per quanto attiene all’ insediamento ed alle attività della criminalità organizzata.

"La giornata della memoria e dell'impegno - ha spiegato don Ciotti - nasce con la morte di Giovanni Falcone e Francesca Morvillo e serve a fermarsi, a ricordare e ad abbracciare idealmente le centinaia di familiari delle vittime di mafia, oltre che per non lasciare da soli quei magistrati e tutte quelle persone che lottano ogni giorno contro le organizzazioni criminali. Quest'anno abbiamo scelto Latina perché stiamo assistendo in questo territorio ad una progressiva e silenziosa infiltrazione mafiosa".

Ha concluso la conferenza il sindaco di Cisterna, Antonello Merolla, ringraziando "Libera" e regalando a don Ciotti una cassetta di kiwi, prodotto d'eccellenza di Cisterna nonché simbolo delle cose migliori che nascono dalla nostra terra.

"Si è davvero grandi solo quando c'è il rispetto delle regole - ha detto il Sindaco - la nostra provincia non è immune alla criminalità organizzata e per questo siamo felici che “Libera” abbia scelto Latina per la giornata della Memoria e dell'Impegno".

ARTICOLI CORRELATI
Per l'occasione, tre chef francesi saranno invitati a Roma, accolti dagli chef della capitale per menù a quattro mani
I nomi di Impastato e Falcone nel menù di una panineria viennese che inneggia alla mafia
"Dimissioni irrevocabili, la maggioranza è troppo litigiosa. Latina non merita di essere ostaggio delle polemiche"
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Eleuteri, 67 anni, era uno dei feriti dell'esplosione dello scorso 10 giugno nel palazzo del Comune

2
Gli investigatori hanno passato al setaccio alcune telecamere che potrebbero avere inquadrato gli autori della rapina
3
De Angelis: "Il Depuratore di Lido dei Pini funziona perfettamente e tutti i prelievi, effettuati recentemente dall’Arpa Lazio, sono a confermarlo"
4
La terra è tornata a tremare. La Sala Sismica dell’INGV di Roma ha registrato un nuovo movimento tellurico
5
Un operaio è caduto dall’impalcatura, da un’altezza di circa 3 metri
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]