Martedì 23 Luglio 2019 ore 11:07
CRONACA SANT'ANGELO ROMANO
Ergastolo per Angelo Stazzi, infermiere killer di Montelibretti
L'uomo è accusato di aver ucciso 7 anziani per "provare il brivido di tenere una vita umana nelle proprie mani"
Angelo Stazzi

"La pena dell'ergastolo è l'unica adeguata". Così il pm Gabriella Fazi al processo ad Angelo Stazzi, l'infermiere di 69 anni accusato di aver ucciso sette anziani fra i 70 e i 90 anni, ricoverati nella casa di riposo Villa Alex di Sant'Angelo Romano. La condanna a vita, sulla quale deciderà la III Corte d'assise di Roma, è stata chiesta per cinque delle sette morti contestate; per le restanti, il pm ha sollecitato l'assoluzione con formula dubitativa.

La requisitoria del pubblico ministero è durata tre ore. "Grave ipoglicemia determinata dalla somministrazione di farmaci", in particolare di massicce dosi d’ipoglicemizzanti in persone non diabetiche, è il filo conduttore per il quale Angelo Stazzi è sotto processo. Cui si aggiunge anche una contestazione integrativa: quella di aver causato la morte degli anziani anche somministrando psicofarmaci. 

"Stazzi ha lavorato presso la casa di riposo di Tivoli dal dicembre 2008 al settembre 2009. "Mai sino al suo arrivo - ha sottolineato il pm Fazi - si erano verificati malori e decessi così ravvicinati nel tempo, e mai per coma ipoglicemico. E cosa succede dopo il suo allontanamento dalla struttura? Nulla, nessun altro caso di ipoglicemia. E la somministrazione dei farmaci era quasi esclusivamente compito di Stazzi. Alla luce di tutto ciò sono certa della natura dolosa degli eventi".

A detta del pubblico ministero il movente degli efferrati omicidi va ricercato nella voglia del condannato di "provare il brivido di tenere una vita umana nelle proprie mani, di decidere se spezzarle oppure no. C’è un animo crudele e narcisistico".


ARTICOLI CORRELATI
L'infermiere di Montelibretti è accusato di aver ucciso sette anziani ricoverati nella casa di riposo "Villa Alex"
Angelo Stazzi era stato condannato all'ergastolo per aver ucciso 7 anziani in una casa di riposo di Sant'Angelo Romano
Un brutto episodio che pare sia scaturito da futili motivi
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Nonostante i divieti e i servizi offerti dagli stabilimenti balneari, resiste il pranzo al sacco in spiaggia...
2
Quattro sono risultate rubate negli ultimi mesi a Roma e una a San Felice Circeo, mentre le altre 8 sono risultate coinvolte in falsi sinistri stradali
3
I due avevano rapinato anche un'area di servizio a Terni. Ora si trovano nel carcere di Vazia
4
Uno degli indagati è stato arrestato, si tratta di un ragazzo romeno di 25 anni, degli altri due gli inquirenti stanno ancora seguendo le tracce
5
Tra tentativi di insabbiamento e fake news, il punto sullo scandalo degli affidi illeciti di bambini a scopo di lucro
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]