Sabato 17 Agosto 2019 ore 18:58
Nasce il Museo dei Crimini Ambientali (MACRI)
Il Museo, unico nel suo genere in Europa, è stato realizzato dal Corpo forestale dello Stato e dal Bioparco di Roma
L'entrata del museo dei crimini ambientali (Macri)

Da pochi giorni il Bioparco di Roma ospita l'ultimo nato e, stavolta, non si tratta di un cucciolo di uno dei tanti animali presenti nel ex Giardino Zoologico ma di un vero e proprio museo dedicato ai crimini ambientali.

Il MACRI, infatti, ha l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sui reati che deturpano l'ambiente e il patrimonio faunistico.

La struttura, prima e unica nel suo genere in Europa, si sviluppa in sette sezioni (incendi, inquinamento e rifiuti, bracconaggio, taglio illegale, CITES, maltrattamento animale e tecniche investigative) dove, servendosi anche di alcuni reperti autentici esposti come avorio, pellami e quant'altro sequestrati ai bracconieri e alla criminalità organizzata, viene evidenziato il danno provocato al patrimonio ambientale e i traffici nazionali e internazionali delle preziose merci.

Le specie animali in pericolo di estinzione indicate anche da CITES, sono in continuo aumento grazie ai noti e meno noti problemi di inquinamento, pesca non sostenibile, caccia illegale e taglio selvaggio di intere foreste che significano la scomparsa dell'habitat per molte specie animali.

“Uno degli obiettivi che si propone il Museo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica in merito alle mille sofferenze che da troppo tempo l'ambiente soffre”. Federico Coccìa è il presidente della Fondazione Bioparco di Roma che ospita il museo. “Il MACRI rappresenta un vero e proprio primato per l'Italia e, contestualmente, anche per il Bioparco che lo ospita, sottolinea. L'educazione ambientale è uno dei temi ai quali tengo di più”.

Il museo è anche uno spazio interattivo dove Forestali e cittadini potranno incontrarsi per dibattere le questioni relative alla salvaguardia del territorio. I dati del Corpo Forestale dello Stato parlano chiaro, nei primi sei mesi del 2013 sono stati accertati 5.095 reati ambientali e 13.970 illeciti amministrativi.

“Il museo non è soltanto un'esposizione statica di reperti, ha spiegato il Capo del Corpo Forestale dello Stato Cesare Patrone, ma un punto d'incontro per ricerche, dibattiti, attività ed educazione ambientale rivolte soprattutto ai giovani”.


ARTICOLI CORRELATI
Inaugurata al Bioparco di Roma la Mostra dei Pesci Alieni dedicata alle specie marine e di acqua dolce nel nostro Paese
Due nuovi cuccioli al Bioparco di Roma. I piccoli di Licaone presentati alla stampa
Inaugurata la nuova aera degli oranghi al Bioparco di Roma. Il Presidente della Fondazione: “Roma non è Copenhagen”
I PIU' LETTI IN AMBIENTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
3
AMBIENTE Squalo! Squalo!
Con le spiagge della domenica affollate dai bagnanti torna “l'incubo degli squali” tra avvistamenti veri e presunti
4
Nuova spedizione in Sud Africa del fotografo naturalista Remo Sabatini dedicato al predatore dei mari
5
C’è anche una italiana tra i volontari animalisti arrestati alle isole Faroe mentre prosegue la mattanza dei globicefali
1
Le ultime notizie che riguardano lo stato in cui versa l’ecosistema sono piuttosto allarmanti
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]