Venerdì 15 Novembre 2019 ore 22:06
SPETTACOLI ROMA
Il Gruppo Storico Romano incorona la Dea Roma
La Dea Roma 2014 è la giovane Alessandra Polo, a cui spetterà l'onore di guidare il corteo storico del Natale di Roma

Si è svolta ieri sera, sabato 12 aprile, presso la sede del gruppo storico romano, la serata finale della XII edizione della Dea Roma, concorso di incarnazione della Romanità. Alla presenza di un folto pubblico e di una giuria selezionata, é stata incoronata Dea Roma 2014 la giovane Alessandra Polo,  a cui spetterà l'onere e l'onore di guidare il corteo storico del Natale di Roma organizzato dal Gruppo Storico Romano il prossimo 21 Aprile su via dei Fori Imperiali.

La selezione “Dea Roma” si prefigge di eleggere, annualmente, una ragazza che possa incarnare lo spirito della Dea Roma, cara ai romani antichi che vivevano e tanto amavano ed ammiravano la loro città da vederla e raffigurarla come una vera e propria divinità vivente. La Dea Roma è una celebre statua raffigurata a Roma sulla fontana di fronte al Palazzo Senatoriale in Piazza del Campidoglio, con un elmo, una lancia mentre regge in mano una sfera raffigurante la perfezione della forma. Ai suoi lati, sulla fontana, le raffigurazioni dei fiumi Tevere e Nilo.

La selezione “Dea Roma” è riservata alle ragazze e donne di età compresa tra i 18 e i 30 anni, residenti o native dell’Italia o di qualsiasi paese straniero che fdeau provincia o protettorato romano.


ARTICOLI CORRELATI
E' stato inaugurato il primo e unico "Villaggio di Babbo Natale " a Roma, realizzato dal Gruppo Storico Romano
Il sindaco Marino fischiato dai cittadini stufi di aspettare il suo incontro con la delegazione della sfilata storica
Migliaia di persone assiepate in via dei Fori Imperiali e al Circo Massimo
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]