Mercoledì 22 Maggio 2019 ore 07:08
CRONACA
"La chemioterapia non è in grado di guarire nessun tumore"
Lo afferma Giuseppe Di Bella, riferendosi ai casi di neoplasie in cui sono esaurite le possibilità chirurgiche

Non avendo alcuna possibilità di critica sul razionale, sugli effetti  clinici, sul meccanismo d’azione antiproliferativo e differenziante, né sull’effetto antitumorale atossico interattivo e sinergico dei componenti  del  Metodo Di Bella,  gli imbonitori e i cantastorie di regime continuano ad appigliarsi a pretestuosi  argomenti  e  inconsistenti critiche come l’impiego di  bassi  dosaggi di Ciclofosfamide nell’MDB. Mostrano così di non conoscere, o non voler conoscere, l’inversione del meccanismo d’azione farmacologico in base al dosaggio, né gli effetti biologici dei componenti del MDB, nè la differenza tra terapia biologica con finalità e meccanismi apoptotici e la chemioterapia citolitica. Se sostengono che la guarigione dei casi trattati con MDB dipende da questi minimi dosaggi di ciclofosfamide, dovrebbero spiegare per quale motivo  vengono impiegati dosaggi  da 100 a 200 volte superiori  di ciclofosfamide nei vari cicli chemioterapici.  

Alcuni protocolli oncologici impiegano  10.000 – 12.000  milligrammi di ciclofosfamide in vena  giornalmente,che rappresentano un dosaggio da 100 a 200 volte superiore a quello  impiegato  in media nel MDB ( 50-100 mg  per bocca). La terapia oncologica mira all’uccisione per tossicità delle cellule tumorali , ma non avendo alcuna possibilità di ottenere una tossicità differenziale tra cellule sane e tumorali,  le cellule sane e le funzioni vitali, nei protocolli oncologici, riportano gravi danni, con l’aggravante, documentato in letteratura (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=nature+medicine++++Peter+Nelson+WNT16Bdi  indurre raffiche di mutazioni che selezionano cloni tumorali sempre più resistenti, tossici, proliferativi e mobili, in pazienti debilitati dalla chemio. La pubblicazione di una delle massime testate scientifiche mondiale è confermata da tutta una serie di altri studi.

Per questo motivo, esaurite le possibilità chirurgiche, nei casi di progressione tumorale, la chemio non è in grado di guarire nessun tumore.  Dopo un effetto  temporaneo di mesi, non di anni, di riduzione del volume tumorale anche nel 50-60% dei casi,  si assiste dopo vari cicli, ad un “ rimbalzo”, una ripresa  disseminata e incontrollabile della progressione neoplastica. Per questo motivo la chemio nei tumori solidi non operati, a 5 anni consente la sopravvivenza del 2,5% di ammalati neoplastici   http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Clin+Oncol++2004+dec%3B16(8)%3A549

I cinquanta-cento milligrammi giornalieri di ciclofosfamide del MDB non hanno il benché minimo effetto mutageno e nella  grande maggioranza dei casi, gli effetti   sulla crasi ematica e dinamica midollare sono completamente antagonizzati  dalla Soluzione dei retinoidi MDB in Vitamina E,  e dai  potenti e documentati effetti  mielo protettivi della Melatonina. L’ innovativa  formulazione della Melatonina in legame d’idrogeno  con Adenosina del prof Luigi Di Bella, e i suoi studi sugli effetti multifattoriali e vitali di questa molecola,  sono ormai recepiti e codificati dalla letteratura scientifica internazionale (http://www.ncbi.nlm.ngov/pubmed/23348932), che gli ha riconosciuto la priorità assoluta sull’impiego antitumorale della Melatonina, sulla sua primaria  funzione nella produzione delle  piastrine, nell’aggregazione piastrinica, nella formula leucocitaria, nella  crasi ematica, nella  dinamica midollare.

Nei pazienti precedentemente chemiotrattati con residui deficit della funzionalità midollare ,è sufficiente aiutarsi con  fattori di crescita degli eritrociti  e ridurre saltuariamente i dosaggi  di ciclofosfamide. Quanti mistificano sull’impiego di modeste dosi di ciclofosfamide nel MDB, disconoscono gli aspetti chimici, biochimici, biologici, molecolari e clinici del MDB non sapendo neppure di cosa parlano. Ogni diffamazione, disinformazione, falsificazione e mistificazione sul MDB viene inesorabilmente vanificata  dai risultati clinici di questo Metodo.

Il dosaggio della ciclofosfamide nel MDB  esercita  un effetto apoptotico, non citolitico, induce cioè la cellula tumorale e riprendere un percorso fisiologico di invecchiamento e morte cellulare che si attua unicamente nel contesto del MDB, generalmente nell’arco di 8-14 mesi. Questo è realizzabile unicamente  nell’ ambiente biologico sfavorevole alle cellule tumorali creato dal MDB, mediante l’effetto interattivo di somatostatina e inibitori prolattinici  (agonisti dei recettori D2) sull’inibizione dell’asse proliferativo neoplastico GH–PRL-G, sottraendo così  alle cellule tumorali  molecole essenziali  per la loro crescita . Si crea  pertanto col MDB un nuovo equilibrio biologico in cui   mentre si sottraggono molecole vitali per il metabolismo neoplastico, si esaltano con Retinoidi , Vit D3,Vit E,Vit C, Melatonina, le funzioni vitali, riportandole a livello fisiologico per contrapporsi e prevalere sulla vita tumorale. Questi componenti del MDB esercitano inoltre un deciso miglioramento dell’immunità e un documentato effetto “ differenziante” e “ citostatico” inibendo il più pericoloso percorso dell’aggressività e resistenza delle cellule tumorali per mutazione, esattamente al contrario della chemio.-

 Quello che non vogliono e/o non possono capire (anche per la limitatezza delle loro conoscenze di chimica, biochimica, biologia molecolare, fisiologia umana, per  boriosa arroganza e  palese malafede) è che  in tutti i tumori non vi è né ci potrà mai essere alcun farmaco con tossicità differenziale, che abbia effetto citolitico e citotossico unicamente sulle cellule tumorali, e non sulle sane. Occorre invece agire sulle condizioni biologiche in modo da creare  un ambiente non  farmacologicamente tossico, ma biochimicamente sfavorevole  alla biologia neoplastica, incidendo negativamente di volta in volta su una o più  delle reazioni che si svolgono nell’ evoluzione tumorale  e attivando  contemporaneamente quelle reazioni che intervengono nei processi di guarigione. Non può, né potrà mai esserci  alcun trattamento chemioterapico citolitico in grado di guarire un tumore solido, ma  unicamente un Metodo, una multiterapia razionale e biologica, un complesso di sostanze sinergiche e fattorialmente interattive, singolarmente dotate di attività antitumorale atossica, che sequenzialmente o contemporaneamente agiscano centripetamente  sulla miriade di reazioni biologiche della vita tumorale, riconducendo gradualmente alla normalità le reazioni vitali deviate dal cancro.


ARTICOLI CORRELATI
Il metodo Di Bella è in grado di guarire il tumore alla prostata senza ricorrere alla chemioterapia o alla radioterapia
Il metodo Di Bella può guarire il tumore alla prostata senza chemioterapia o radioterapia
In sintesi più una cellula tumorale è in grado di utilizzare l’ormone della crescita, più veloce è la sua crescita ed espansione neoplastica...
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Sequestrati 243 chili di droga
2
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
3
Il padre ha buttato giù la porta, e ha visto il corpo a terra della figlia che non dava segni di vita; inutili i tentativi disperati di rianimarla
4
L'accusa per la 19enne Debora è stata derubricata in eccesso colposo di legittima difesa

5
Da segnalare che all'interno della stazione ferroviaria di Frosinone manca un sistema di videosorveglianza
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]