Giovedì 20 Giugno 2019 ore 15:06
POLITICA ITALIA
Elezioni Europee 2014: Trionfa il Pd di Matteo Renzi
“Voto per l’Italia che vuole cambiare. Avanti con le riforme, la rottamazione può iniziare”

Risultato storico per il Pd di Matteo Renzi (40,8%) che vince le elezioni europee e ottiene 31 seggi, davanti a M5S che ottiene un risultato nettamente inferiore alle aspettative (21,2%) con 17 seggi guadagnati. Tonfo di FI che non raggiunge neanche la soglia del 20% (16,8%), ottiene 13 seggi, mentre NCD di Angelino Alfano supera la soglia del 4%, anche se di poco (4,4%) e ottiene 3 seggi. La Lega di Salvini raggiunge inaspettatamente il 6,2% (5 seggi) e la lista sinistroide TSIPRAS ottiene il 4,0% dei voti (3 seggi).

Questi alcuni commenti a caldo: Renzi: “Ha vinto la speranza, Italia più forte della paura, avanti con le riforme”. Grillo mima una pugnalata al cuore e dice: “Grazie ai 5 milioni di italiani”. FI: “Ricostruire il centro-destra”. Lega, la soddisfazione di Salvini “Siamo risorti”. Alfano: “La tempesta non ci ha travolti, siamo sopravvissuti allo tsunami”:

Fuori i Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e i montiani di Scelta Europea.

Consistente, quindi, l’affermazione del Pd che doppia il risultato del M5S a dispetto dei pronostici. I pentastellati hanno cambiato il loro hashtag e motto della campagna elettorale da #vinciamonoi a #vinciamopoi e perdono circa 3 milioni di elettori.

I complimenti a Renzi arrivano anche da Pier Luigi Bersani che in mattinata twitta: “Adesso riprendiamoci le nostre responsabilità in Italia e in Europa”.

Intanto il capo del Carroccio Salvini tende la mano a Berlusconi e dice: “Ci davano per morti e, invece, siamo il 4° partito” e “Io lancio un’opportunità e una sfida a Silvio Berlusconi, a FI e NCD, ci sono ancora alcuni giorni per firmare 6 referendum importantissimi in tutti i comuni italiani per cancellare la legge Fornero, per togliere dalle strade la prostituzione, per reintrodurre il reato di immigrazione clandestina, un centro-destra sano, va in comune domani e firma, e su questi presupposti possiamo tornare a costruire un’alternativa a Renzi che oggi è vincitore, però vincitore sulle promesse” e annuncia che vedrà Le Pen, vincitrice in Francia e inizieranno insieme a lavorare per un’Europa diversa”.

Nel resto d’Europa, oltre al risultato sorprendente del Front National, partito euroscettico  di estrema destra di Marine Le Pen, vincitrice in Francia con il 25,1% dei voti, per la prima volta nella storia, anche in Inghilterra vincono gli euroscettici del partito UKIP con il leader Nigel Farage, che raccolgono il 27,5% dei suffragi. E Farage tende una mano ai 5 stelle. “Vorrei incontrare Beppe Grillo e discutere con lui delle nostre politiche che hanno molto in comune” ha dichiarato.

Oltre che in Francia e Gran Bretagna il vento euroscettico soffia anche in altri Paesi europei e al gruppo di Le Pen, al quale non vuole aderire Farage, e che molto probabilmente prenderà il nome di European Alliance for Freedom, dovrebbero aderire il partito della libertà olandese di Geer Wilders e l’austriaco FPOE, il partito fondato negli anni ’90 da Haider.

La CDU di Angela Merkel si conferma il primo partito in Germania (35,3%), anche se è il peggiore risultato del partito dal 1979 in Europa. In crescita SPD dell’antagonista Shultz con il 27,2%.

In Grecia il partito di sinistra radicale SYRIZA è primo. “Ve l’avevo detto la scorsa settimana, i gol più belli vengono segnati nel secondo tempo” è il primo commento del leader di SYRIZA, Alexis Tsipras. Da notare, però, che il terzo partito è ALBA DORATA che, nonostante gli arresti e le gravi accuse dei reati, ottiene quasi il 10%.

Disfatta in Spagna sia per il partito popolare del premier Mariano Rajoy, sia per il PSOE, che passano rispettivamente dai 24 ai 16 deputati e da 23 a 14. IZQUUIERDA UNIDA ottiene 6 seggi, il neonato movimento PODEMOS diventa il 4° partito con 5 seggi.

In Europa, comunque, il primo partito rimane l’EPP (Partito Popolare Europeo), che è sempre in maggioranza, anche se gli euroscettici promettono battaglie in parlamento e filo da torcere verso gli europeisti convinti, mentre Renzi promette che la risposta agli euroscettici  è il riformismo italiano.


ARTICOLI CORRELATI
I democratici primo partito anche in provincia di Latina. Fratelli d'Italia sopra la media nazionale
Francesco da Fiumata ci regala per questo week end una serie di ritratti provocatori che non potete perdervi
Nel Lazio Renzi prende il 65% dei voti, Cuperlo va sotto il 21% e Civati intorno al 14%
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
Il parlamentare del M5S: "Diamo precedenza a ciò che realmente serve ai cittadini invece di darla a grandi opere spesso inutili"
2
Arriva un sistema biometrico di controllo entrata/uscita dei dipendenti pubblici, tramite la presa delle impronte digitali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]