Martedì 15 Ottobre 2019 ore 12:58
GOSSIP
"Arruffapopoli", la D'Urso porta Selvaggia Lucarelli in tribunale
Il pm aveva chiesto l'archiviazione ma il legale di Barbara si è opposto. L'accusa è di diffamazione

Non ci sta Barbara D'Urso, ferita come donna e come professionista, e questa volta vuole andare fino in fondo.

Apostrofata come "arruffapopoli" dalla blogger Selvaggia Lucarelli nella trasmissione “Reputescion” del 19 marzo 2013, la conduttrice televisiva ha sporto querela. Tutto sembrava però rientrato quando il pm aveva chiesto l'archiviazione. Ma il legale della D'Urso si è prontamente opposto e allora tutto potrebbe tornare in discussione.

Nella medesima puntata incriminata, Selvaggia Lucarelli avrebbe detto, in riferimento alla D'Urso, che è solita trattare "argomenti che non le sono consoni". Ma per il pubblico ministero non c'è niente di penalmente rilevante, “al più meri scherzi o, comunque, critiche continenti e non formalmente velenose”. 

La D'Urso e il suo legale, tuttavia, la pensano diversamente. Tra Barbara e Selvaggia la pace sembra ancora lontana.


ARTICOLI CORRELATI
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
Il Fatto quotidiano: "Sull'eredità di Albertone s'abbattono gli appetiti dei parenti di campagna"
I PIU' LETTI IN GOSSIP
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]