Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2021

Pubblicato il

As Roma, sul mercato si pensa a Christian Benteke

di Redazione
Intanto Garcia concede un giorno libero alla squadra

Dopo l’ultima figuraccia rimediata a San Siro contro il Milan, l'allenatore francese ha convocato tutti i giocatori per le 8 di mattina di ieri, strigliandoli duramente nella riunione pre-allenamento: l'ennesimo monologo stagionale che dovrebbe richiamare tutti alle proprie responsabilità. Ma l'arrabbiatura per la sconfitta, che rischia di compromettere la corsa a un posto-Champions, sembra essere forse già passata?. Da Trigoria annunciano infatti la possibilità, solo eventuale, del ritiro ( che non vedrebbe peraltro coinvolta nemmeno  tutta la rosa ), da cominciare però solo domani o dopodomani, in vista dell'Udinese domenica. Per i giocatori, quindi, un giorno e mezzo di riposo come “premio” (o come paradosso?), con l’intera giornata di oggi libera: una scelta che sembra avere davvero poco di autoritario e punitivo, diversamente da quanto urlato a Milano nel post partita da Garcia (“Abbiamo regalato un'ora, è inaccettabile”).

Vuoi la tua pubblicità qui?

Intanto la Roma tiene sempre aperto un occhio sul mercato, indipendentemente dalle sanzioni arrivate per il Fair Play finanziario. L’impressione è che finalmente arriverà il tanto agognato “bomber”, capace di far fare il salto di qualità, soprattutto se dovesse ottenere la qualificazione diretta alla prossima Champions League. Luiz Adriano è un profilo sempre sotto controllo, ma secondo Alfredo Pedullà, piace moltissimo anche Christian Benteke, dell'Aston Villa, seguito anche dal Chelsea di Mourinho.
Occhi al campionato, testa al mercato dunque. La Roma si gioca un pezzo importante di presente e di futuro, sperando che il finale di stagione non riservi (altre) sorprese spiacevoli.

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo