01 Marzo 2021

Pubblicato il

Baby squillo dei Parioli a Roma, in otto rinviati a giudizio

di Redazione

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Ieni, la madre di una delle baby e alcuni clienti

LE ACCUSE Otto persone rinviate a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulle baby squillo. Lo ha deciso la Procura di Roma che a contestato i reati a seconda delle posizioni, di sfruttamento della prostituzione, cessione di droga, estorsione, detenzione di materiale pedopornografico e prostituzione minorile.

I NOMI DEGLI OTTO Stando a quanto riportato dal sito di Repubblica, il procuratore aggiunto Maria Monteleone e il sostituto Cristiana Macchiusi hanno chiesto il processo per Mirko Ieni, ritenuto il promotore del giro di prostituzione, Nunzio Pizzacalla (per entrambi l’accusa è sfruttamento della prostituzione minorile), Mario De Quattro (per tentata estorsion), la madre di una delle ragazzine, ed i clienti Riccardo Sbarra (accusato di possesso di materiale pedopornografico), Marco Galluzzo (accusato di aver ceduto cocaina in cambio delle prestazioni), Francesco Ferraro e Gianluca Sammarone. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’UDIENZA DOPO PASQUA Il gup Costantino del Robbio presiederà l’udienza che sarà fissata subito dopo pasqua.

Vuoi la tua pubblicità qui?

ORA LA FASE DUE Sono una cinquantina i clienti delle baby squillo identificati ed accusati di prostituzione minorile. La seconda fase dell’inchiesta si concentrerà, dunque, su Floriani, Bruno e gli altri.
 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento