Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Maggio 2021

Pubblicato il

Bagnai: “È assurdo che il governatore della Bce dica che c’è un rischio”

di Redazione

Il presidente della Commissione Finanze del Senato attacca Mario Draghi: "Non è assolutamente nostra intenzione rinunciare in questo momento né in prospettiva all'euro"

Ancora tensione tra Roma e Francoforte dopo le parole del presidente della Bce Mario Draghi. Il leghista Alberto Bagnai, presidente della Comissione Finanze in Senato, oggi è tornato sull'argomento ai microfoni di Rai Radio Uno: "Mi sembra improprio che il massimo responsabile della stabilità finanziaria in Europa emetta degli allarmi, seppur poi velati, circa la tenuta delle banche di un Paese che è sotto il controllo della sua vigilanza".

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Difficilmente – ha detto Bagnai – mi immagino un governatore della Banca d'Italia dire che una banca tale è poco solida a mercati aperti. Un comportamento simile sarebbe del tutto assurdo, come è assurdo che il governatore della Bce dica che c'è un rischio, lui quel rischio deve gestirlo e finora lo ha fatto tramite il Quantitative esasing, l'acquisto di titoli pubblici e privati da parte della Bce cioè una monetizzazione mascherata del debito pubblico".

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Lo spread – ha affermato inoltre il senatore della Lega – incorpora il rischio percepito dagli investitori che la moneta unica possa andare in pezzi per colpa di questo Paese. Ora questo rischio non esiste perchè non è assolutamente nostra intenzione rinunciare in questo momento nè in prospettiva all'euro".

 

Leggi anche:

Manovra, Luigi Di Maio: "Sì al dialogo, ma noi andiamo avanti"

Manovra, Luigi Di Maio: "Nessuno slittamento"

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento