Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Luglio 2021

Pubblicato il

Lesioni su minore

Bimbo picchiato a Guidonia, fermato 25enne: gli era stato affidato dalla madre

di Redazione

Svolta nelle indagini sul piccolo gravemente maltrattato dai due uomini a cui era stato affidato

E’ accaduto a Villalba di Guidonia, dove un bambino di 5 anni è stato picchiato dai suoi “baby-sitter” fino a fratturargli il braccio e causargli un trauma cranico. Il piccolo però ha avuto la forza di indicare il suo aguzzino e farlo arrestare. Avrebbe dovuto accudirlo invece lo ha brutalmente malmenato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’aggressione sul minore si è consumata domenica scorsa all’interno di un appartamento di Villalba di Guidonia. I carabinieri di Tivoli sono giunti a una svolta poche ore dopo.

Dopo aver rintracciato due africani, li ha condotti in caserma, e uno di loro, di 25 anni, sarebbe stato arrestato per aver colpito il bambino al volto. L’accusa è lesioni aggravate su minore. L’altro uomo avrebbe soccorso invece il piccolo.

Guidonia, bimbo picchiato: la madre era andata al lavoro

La madre spiega di aver affidato il figlioletto ai due, una coppia di amici perché doveva recarsi a lavorare. La donna è una trentenne anche lei africana, titolare di una ditta di Import Export. Dopo aver visto le condizioni del figlio e aver trovato i due uomini in stato di ubriachezza, lo ha subito portato in ospedale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La piccola vittima si trova ricoverata al reparto pediatria dell’Umberto I di Roma. I medici hanno subito capito che le lesioni erano causate da maltrattamenti per questo hanno immediatamente chiamato i carabinieri. La prognosi per il piccolo è di 60 giorni ma non è in pericolo di vita.
Il 25enne ghanese, sulla base degli elementi raccolti, è stato fermato e tradotto presso il carcere di Rebibbia in attesa della convalida del provvedimento.

Immagine di Archivio

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento