Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Gennaio 2022

Pubblicato il

Botte e insulti agli alunni della materna, maestra patteggia

di Redazione
Caterina Dezi era stata arrestata a Monterosi. Ai bambini rivolgeva parole come "Vaffanculo" "Hai rotto i coglioni"

Ha deciso di patteggiare la pena, messa di fronte all'evidenza dei fatti dalle telecamere installate a sua insaputa dai Carabinieri di Nepi e Civita Castellana, che hanno documentato botte e insulti vari ai bambini di una scuola dell'infanzia a Monterosi. Caterina Dezi, 53enne di Ronciglione è stata condannata a due anni di reclusione con la sospensione condizionale della pena.

La donna fu arrestata il 6 marzo scorso in flagranza di reato, dopo che le indagini dei Carabinieri, partite dopo le segnalazioni dei genitori dei piccoli, avevano documentato uno scenario inquietante. Come avemmo modo di raccontare a suo tempo, le telecamere, attive per 40 giorni, hanno documentato una situazione sconvolgente. La maestra era solita insultare in maniera becera i bambini ("Vaffanculo", "Mi hai rotto i coglioni", "Stupidi", "Ignoranti", "Fatti ricoverare") a percosse vere e proprie. Alcuni malcapitati venivano, schiaffeggiati, sbattuti per terra oppure spinti in malo modo contro gli armadietti. Dopo questi atti, che lasciavano i bimbi sconvolti e in lacrime, la Dezi li minacciava di non dire nulla a casa, poiché quanto accade a scuola deve restare un segreto.

La strategia iniziale della maestra è stata quella di avvalersi della facoltà di non rispondere ai primi interrogatori. Poi, il suo legale, l'avvocato Massimo Pistilli, aveva puntato a presentare un'istanza di scarcerazione per alcuni  vizi di forma sulle intercettazioni ambientali. Il tribunale della Libertà di Roma ha rigettato il ricorso e alla fine è giunta la richiesta di patteggiamento, accolta anche dall'accusa.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo