Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Maggio 2021

Pubblicato il

Branco di cinghiali in Autostrada A1 provocano incidente: un morto

di Redazione

Secondo la ricostruzione della Polizia stradale nell'incidente sono rimaste coinvolte tre macchine

Dopo lo spiacevole episodio accaduto nel tardo pomeriggio di ieri a Rieti, in via Togliatti, dove un furgone ha investito un cinghiale, la scorsa notte un gravissimo incidente stradale è accaduto sull'autostrada A1 in carreggiata sud, tra Lodi e Casalpusterlengo. A causare un tamponamento a catena un branco di cinghiali (almeno 3) che ha attraversato la carreggiata.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Purtroppo, l’incidente ha causato una vittima, un 28enne di origini polacche; i feriti sono una decina. Tra loro tre bambini, due di 8 e uno di 11 anni e due ragazzini di 13 e 15 anni. E ancora due donne di 37 e 39 anni e due uomini di 40 e 48. Secondo la ricostruzione della Polizia stradale, nell'incidente sono rimaste coinvolte tre macchine che andavano in direzione sud. La prima ha investito due cinghiali e si è fermata. Una seconda auto arrivata ha investito le carcasse degli animali e poi urtato il veicolo fermo. Il conducente è sceso, probabilmente per chiedere aiuto, ed è stato travolto da una terza vettura, una Polo, che poi si è scontrata con le due auto ferme.

Il conducente della Polo, di origini polacche ma residente in Italia, è morto sul colpo, la fidanzata di 27 anni è stata trasportata in gravissime condizioni, in codice rosso, all'ospedale di Lodi. A Parma, sempre in codice rosso, è stato portato l'uomo travolto. I cinghiali sono arrivati a bordo strada scavando un cunicolo. A comunicarlo è la Società Autostrade dopo i primi rilievi: la sede stradale era protetta da fossato e guard rail.

LEGGI ANCHE:

Vuoi la tua pubblicità qui?

Incidente con un cinghiale. E' successo a Rieti in via Togliatti

Bollettino meteo giovedì 3 Gennaio: freddo in ulteriore aumento

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento