26 Ottobre 2021

Pubblicato il

Disordini nella Capitale

Caos a Roma. Rapina una donna, fugge su scooter rubato e investe 3 agenti

di Livia Maccaroni
Il 29enne milanese è accusato di rapina e tentato omicidio. Poliziotti in ospedale: due in codice rosso, uno in attesa di subire un intervento
Macchina della Polizia

Rapina una donna. Picchia gli agenti intervenuti. Fugge su uno scooter rubato. Investe tre poliziotti accorsi per fermare il malvivente. È ciò che è accaduto a Roma, in via Prenestina, nel pomeriggio di giovedì 23 settembre. Pare che già da tempo i poliziotti fossero sulle tracce dell’uomo, un 29enne milanese, per una serie di rapine soprattutto nella zona dell’Esquilino e di Termini.

I fatti

Il 29enne, che non sapeva di essere seguito dalla Polizia, ha derubato una donna fuori da una gelateria e si è dato alla fuga a piedi. Gli agenti lo hanno inseguito e bloccato. Ne è nata una colluttazione, ma il ladro è riuscito a divincolarsi e fuggire sullo scooter, poi risultato rubato, che aveva parcheggiato poco distante.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tentato omicidio

Dunque gli agenti, che avevano perso di vista il malvivente, hanno allertato altri colleghi i quali si sono messi immediatamente alla ricerca dell’uomo. Le forze dell’ordine hanno sorpreso il fuggitivo tra il Pigneto e Malatesta, ancora a bordo dello scooter. E i tre poliziotti, per bloccarlo, hanno provato ad occupare l’incrocio tra via Erasmo Gattamelata e via Roberto Malatesta. Ma il 29enne, invece che fermare la sua corsa, li ha investiti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’arresto

Il ladro e i tre agenti sono caduti a terra nell’urto. Il 29enne è stato così bloccato e arrestato, con le accuse di rapina e tentato omicidio, e denunciato per ricettazione. I tre poliziotti, invece, sono stati portati in ospedale. Due di loro in codice rosso, per varie fratture, mentre l’altro dovrà subire un intervento chirurgico.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo