Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Settembre 2021

Pubblicato il

Carnevale 2020, ballo in maschera: l’evento clou a Palazzo Doria di Valmontone

di Redazione
Festa in maschera, costumi e i dolci tradizionali

Questo periodo dell’anno è il momento più bello per alcuni: in tutta Italia ci saranno tantissimi eventi dedicati al Carnevale 2020. Feste in maschera, sfilate di carri allegorici ed eventi da non perdere allieteranno le città di tutta la Nazione per la gioia di grandi e piccini. E’ un’occasione per divertirsi in allegria mascherandosi secondo i propri gusti e assistere a spettacoli davvero sensazionali. Sapete già cosa fare e dove andare? Gli eventi in programma sono già tantissimi, e tra i famosi festeggiamenti da tenere a mente il Carnevale di Valmontone.

Ballo in maschera organizzato dal Pamphilj Caffè

Per il Carnevale l’appuntamento clou sarà l’evento che farà rivivere le atmosfere e la musica che hanno reso grandi le discoteche negli ’80 e ‘90. “Carnevale a Palazzo” è infatti l’evento in programma per sabato 22 febbraio a partire dalle 22:30 all’interno della sala delle colonne a Palazzo Doria a Valmontone. L’iniziativa è organizzata dal Pamphilj Caffè, una serata all’insegna dei colori, delle maschere, ma soprattutto della musica. Protagonisti saranno gli intramontabili pezzi degli anni ’80 e ‘90. Ad animare la festa, sotto la direzione artistica di Jacopo Cibba, in consolle ci saranno i dj Lucaerre e dj Fisico. Per la serata è obbligatoria la partecipazione in maschera. Per informazioni e prenotazioni Pamphilj Caffè in piazza Umberto Pilozzi, fronte Palazzo Doria, a Valmontone. Palazzo Doria, dunque, si trasformerà in discoteca per quella che sarà una grande festa. Il cuore del centro storico di Valmontone è tornato a pulsare grazie a una coppia giovane, Jacopo Cibba e Caterina Pizzuti, con il Pamphilj Caffè, due ragazzi che non si sono fatti sfuggire l’occasione di portare a nuova vita il paese di Valmontone. Come risvegliato da un sonno non voluto, il centro storico, oggi si presenta alla gente tirato a lustro, con un flusso continuo, di giorno bar di sera pub, con Jacopo e il suo staff che sanno accogliere e far sentire a casa ogni singola persona. E davvero tanta l’affluenza ogni giorno e per ogni evento organizzato, a dimostrazione che nei cuori dei valmontonesi, ma non solo, il centro storico non era stato dimenticato. La cultura del Dio-Lavoro (art.1 della Costituzione), quel lavoro che Jacopo e Caterina hanno fatto per la rivitalizzazione del centro storico. La movida che ci piace, quella che coniuga socialità e responsabilità.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per i costumi di Carnevale: Kasa Mya

Ormai ci siamo. E’ carnevale 2020. In alcune città si lavora ai carri che sfileranno per le strade e si iniziano a vedere personaggi strani in giro. Carnevale è spasso, divertimento e allegria, ma anche tradizione, che ritroviamo nelle tante maschere che riescono a colorare e rallegrare l’atmosfera di questa festa così divertente. L’Italia, in particolare, ha una grande ricchezza di personaggi regionali di Carnevale nate da diversi contesti: dal teatro dei burattini, dalla Commedia dell’arte, da tradizioni arcaiche, o create come simboli dei festeggiamenti carnevaleschi di varie città. Le maschere, in generale, hanno il compito di scacciare le forze del male, l’inverno e di aprire la strada per l’arrivo della primavera: per questo motivo sono associate al Carnevale. Se siete tra quelli che ancora non hanno deciso da cosa travestirsi, Kasa Mya ha dei suggerimenti per voi. Centinaia di vestiti di Carnevale per adulti e bambini per ogni età! Tanti travestimenti da scegliere quali, cartoni animati, fiabe, super eroi, storici, fantasy, animali e molto altro! Maschere veneziane, trucchi make up per viso professionali! Kasa Mya, tra le tante cose, è anche un negozio del party che rivende prodotti per le feste. Il punto vendita si trova in via Artena 48, a Valmontone (fronte casello autostradale. E' un punto di riferimento per chi cerca qualcosa di originale da indossare per la festa, accessori, travestimenti, articoli regalo, addobbi per compleanni, nascite, battesimi, addii al celibato, nubilato, cresime, comunioni e matrimoni. Il personale è sempre in continuo aggiornamento con corsi specifici per stare al passo con mode e tendenze consigliando idee e soluzioni più adatte.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dolci tradizionali di Carnevale da Il Pane della Nonna

dolci di Carnevale, al forno o fritti, sono la vera chicca della festa più matta e variopinta dell'anno. Ammettiamolo: oltre a travestimenti e trucchi originali ed eccentrici, che ci consentono senza dubbio di dare libero sfogo alla nostra fantasia e creatività, bisogna ammettere che l'aspetto forse più affascinante di questa ricorrenza è fare una bella scorpacciata di chiacchiere, castagnole, fregnacce e altre gustosissime ricette dolci di Carnevale ricoperte di zucchero a velo, crema e granella di zucchero colorata. Dopo pranzo o dopo cena, a colazione o a merenda un bel tour di dolci di tradizione. Dolci tipici carnevaleschi che potrete trovare presso il panificio Il Pane della Nonna di Andrea Vitelli in contrada Maiotini 15 ad Artena. Panificio con un’esclusiva produzione che è il risultato di una lavorazione assolutamente tradizionale e naturale. Ogni mattina, il Pane della Nonna propone ghiottonerie di ogni tipo, realizzate con ingredienti selezionati e sempre freschi: i prodotti tipici che vanno per la maggiore sono la pizza alla pala, farcite con prodotti accuratamente scelti, e i biscotti al latte. Tutti i prodotti sono realizzati artigianalmente, dalla pasticceria classica, ai dolci per cerimonie e ai prodotti per le ricorrenze. Prodotti di nicchia del panificio il Pane della Nonna è il tiramisù. Tutto per deliziare il palato dei clienti. Il Pane della Nonna di Andrea Vitelli, contrada Maiotini 15, aperto dal lunedì al sabato dalle 7 alle 13, dalle 16 alle 20, la domenica dalle 8:45 alle 13.

Vuoi la tua pubblicità qui?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo