Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2020

Pubblicato il

Colleferro, 10^ edizione del presepe vivente

di Redazione

Torna da sabato nei rifugi cittadini

Sono già trascorsi dieci anni. Sabato prossimo 14 dicembre, alle ore 17, verrà inaugurata la decima edizione del Presepe vivente nei rifugi cittadini. La tradizionale rappresentazione nei sotterranei, evento imperdibile per la popolazione del territorio, torna ad animare quattro giornate del programma
“Incantastrada”, voluto dell’Amministrazione comunale per il periodo natalizio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’allestimento, che si tiene grazie alla partecipazione di un’ottantina di volontari di ogni età, verrà inaugurato dal sindaco Mario Cacciotti sabato 14 alle ore 17 per rimanere aperto anche nei giorni successivi 15, 16 e 17 dicembre. In scena 36 quadri, che si snodano lungo gli 800 metri del percorso realizzato nei cunicoli sotterranei, nei quali i visitatori potranno ritrovare la vita ai tempi di Gesù. “Sembra incredibile che siano già trascorsi dieci anni – dice il sindaco Mario Cacciotti – da quella prima edizione fatta in modo sperimentale. Ma ormai il Presepe vivente è a tutti gli effetti una tradizione sentita e consolidata, attesa da molti. Basti pensare che lo scorso anno sono stati in millecinquecento a visitarlo! Ringrazio ancora una volta tutti i volontari che si sono messi a disposizione per allestire questa nuova edizione e con il loro impegno ci regaleranno di nuovo emozioni e sensazioni uniche”. E proprio per il decennale dell’appuntamento, sabato 14 si terrà un annullo filatelico, presso il palazzo comunale, dalle ore 14 alle 18.

Ogni pomeriggio, poi, dalle ore 17 alle 19,30, i visitatori potranno ammirare le 36 scene realizzate. Oltre alla Natività, si va dai vari mestieri (vasaio, agugliatrice, falegname, tintore, rilegatore, etc.) ai venditori (spezie e aromi, tappeti, bevande e così via) ai personaggi dell’epoca: Nobili, Censore, Pescatore, Pastori fino al Pozzo dei desideri, dove gettare i propri pensieri e auguri affidati alla carta. Come nelle più recenti edizioni, i presenti potranno soffermarsi lungo il percorso per degustare bevande e cibi posti sulle bancarelle o acquistare piccoli oggetti di artigianato messi in vendita, usufruendo delle due monete (dramme “coniate” per l’occasione) che riceveranno all’inizio del percorso in cambio di un euro. L’ingresso ai rifugi, naturalmente gratuito, è quello di via Roma. Sul posto sarà disponibile per informazioni il referente comunale Renzo Rossi, che ha personalmente seguito, come ogni anno, tutto l’allestimento del presepe vivente.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento