Vuoi la tua pubblicità qui?
13 Maggio 2021

Pubblicato il

Colleferro, arrestato per aver rubato le batterie di un ripetitore telefonico

di Redazione

Un 48enne è accusato di furto aggravato. Il materiale oggetto del furto avrebbe fruttato sul mercato nero circa 2500 euro

Nel corso di un’attività operativa i Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno arrestato un italiano di 48 anni, con precedenti specifici, con l’accusa di furto aggravato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel corso dei normali controlli del territorio, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno notato il malfattore mentre fuggiva a bordo di un furgone, preso a noleggio proprio per compiere il furto, da un ripetitore. Poco dopo è stato raggiunto e sottoposto a controllo. A seguito della perquisizione veicolare i militari hanno rinvenuto l’intera refurtiva composta da 16 batterie, di proprietà di una società telefonica italiana, che di solito funzionano in caso di black out, per consentire un regolare traffico telefonico, e che avrebbero fruttato all’uomo, sul mercato nero, circa 2500 euro. Nel furgone, oltre alle batterie, i militari hanno rinvenuto dei cacciaviti, guanti, attrezzi da scasso di ogni genere utilizzati per rompere il cancello d’ingresso ed asportare la refurtiva. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo l’arresto l’uomo è stato trattenuto in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di comparire innanzi al Tribunale di Velletri, dove è stata convalidata e per il 48enne è scattato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in attesa del processo definitivo, ed inoltre i Carabinieri gli hanno notificato la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio dal Comune di Colleferro, dove non potrà più tornare per 3 anni.

 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Leggi anche:

Colleferro, Consorzio Minerva trasparenza e legalità

Rissa ad Artena, nove giovani fermati dai Carabinieri di Colleferro

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento